IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rimborso cessione del quinto dello stipendio per estinzione anticipata o rinnovo

Più informazioni su

Non sai come e quando puoi richiedere un rimborso della cessione del quinto dello stipendio? Se hai richiesto un’estinzione anticipata o un rinnovo di questo finanziamento, molto probabilmente hai diritto ad essere parzialmente rimborsato. In questo articolo vedremo le condizioni per richiedere un rimborso ed alcuni esempi dell’ammontare del rimborso.

Quello che probabilmente non sai, è che nel caso in cui tu voglia stipulare un nuovo finanziamento o estingua quello vecchio, dovrai ricorrere al cosiddetto conteggio estintivo. Sai cos’è? Si tratta di un documento all’interno del quale, troverai degli importi di cui non hai goduto e che ti dovranno essere restituiti dall’ente finanziario o dalla banca.

Rimborso cessione del quinto: cosa significa con esattezza?

Ti chiedi cos’è e cosa significa il termine rimborso della cessione del quinto? Come ti abbiamo accennato, grazie al conteggio estintivo troverai una serie di voci ben dettagliate, che saranno le stesse che potrebbero esserti rimborsate.

Eccone qualcuna di esempio:

  • Capitale residuo;
  • Interessi non ancora goduti;
  • Probabili quote insolute;
  • Penale per l’estinzione anticipata;
  • Netto utili al saldo del finanziamento.

Più raro è il caso di trovare voci extra quali commissioni accessorie, finanziarie e premi assicurativi che ti potrebbero essere rimborsati in commissioni la cui percentuale sarà inerente al premio di cui non hai potuto godere.

Per schiarirti le idee: se il contratto fosse stato stipulato a 120 mesi, ma volessi rinnovare al 60° mese, l’ente dovrà rimborsarti il 50% delle commissioni di cui non hai effettivamente goduto.

In quali casi va richiesto il rimborso della cessione del quinto

Il rimborso della cessione del quinto può essere richiesto sia qualora tu voglia estinguere anticipatamente il prestito, sia qualora lo volessi rinnovare. Nel primo caso, sappi che la legge prevede l’applicazione di una penale che non potrà superare l’1% del credito ancora da rimborsare (capitale residuo).

Per l’ultimo caso invece, se avessi intenzione di stipulare un nuovo contratto, potrai farlo soltanto a queste condizioni:

  • Avrai provveduto a saldare il 40% del debito contratto inizialmente;
  • Se il nuovo contratto fosse minore o uguale a 60 mesi, la nuova operazione dovrà prevedere una durata di rimborso pari a 120 mesi.

Esempio pratico del rimborso della cessione del quinto

Per far sì che tu possa comprendere meglio la situazione, ecco un esempio pratico di rimborso cessione del quinto. Ricorda che il calcolo ti servirà per avere una panoramica chiara su quanto ti spetta in termini di restituzione delle commissioni.

Voce Durata stipulata contrattuale iniziale Estinzione anticipata Costo Rimborso
Commissioni finanziarie 120 rate 72° mese 2,000.00€ 800,00€
Accessorie 120 rate 72° mese 500,00€ 200,00€
Premio assicurativo 120 rate 72° mese 1,200.00€ 480,00€

Ecco di seguito una ulteriore simulazione riguardante la restituzione degli importi della cessione del quinto.

Voce Durata stipulata contrattuale iniziale Estinzione anticipata Costo Rimborso
Commissioni finanziarie 120 rate 60° mese 4,000.00€ 2000,00€
Accessorie 120 rate 60° mese 1000,00€ 500,00€
Premio assicurativo 120 rate 60° mese 2,000.00€ 1000,00€

Come richiedere il rimborso della cessione del quinto? A chi rivolgersi?

Ora che hai capito come funziona il rimborso della cessione del quinto, ti starai chiedendo come richiederlo e a chi rivolgersi.  In verità l’iter è piuttosto semplice:

  1. Ricorri al conteggio estintivo ed invia una lettera all’ente finanziario o alla banca, per mezzo di una raccomandata con ricevuta di ritorno.
  2. Attendi l’esito della risposta.

Se ti trovassi in difficoltà hai la possibilità di scaricare una lettera fac-simile del rimborso della cessione del quinto. Conserva sempre la cartolina di ritorno e la ricevuta dell’avvenuto invio.

Sappi che l’ente o la banca a cui hai fatto richiesta, spesso potrebbe rispondere negativamente:

  • Non potranno corrisponderti il rimborso perché non ti spetta;
  • Ti diranno di comunicare quanto scritto al tuo intermediario con cui hai sottoscritto il finanziamento iniziale;
  • Ti propongono di restituirti soltanto le commissioni accessorie.

Se l’ente finanziario non avesse intenzione di accettare la tua richiesta, potresti ricorrere all’arbitrato bancario. Prima di mandare la richiesta a quest’ultimo, dovrai effettuare un bonifico bancario della somma pari a €20,00.

Sarà l’Arbitro Bancario Finanziario ad intimare alla banca o l’ente, di accreditarti quanto ti spetta. Ricorda di allegare all’ABF i documenti necessari: la tua carta di identità, la ricevuta del bonifico bancario e la risposta negativa della banca o dell’istituto di credito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.