Reddito di cittadinanza, l'assessore regionale Berrino: "Politica di assistenza sociale fine a sé stessa" - IVG.it
Analisi

Reddito di cittadinanza, l’assessore regionale Berrino: “Politica di assistenza sociale fine a sé stessa”

Il commento dell'assessore regionale al lavoro sulla relazione relativa al rendiconto generale dello Stato pubblicato dalla Corte dei Conti

Regione. L’assessore regionale al Lavoro Gianni Berrino commenta la relazione sul rendiconto generale dello Stato pubblicato dalla Corte dei Conti da cui si evidenzia che per quel che riguarda il reddito di cittadinanza, su quasi 2,4 milioni di richieste risultano essere state accolte circa 1 milione di domande, di queste “soltanto il 2% ha creato un rapporto di lavoro”.

“La Corte dei Conti certifica oggi quanto da subito sostenni e cioè che il reddito di cittadinanza non è una politica attiva del lavoro, non serve a facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro dei suoi percettori ma è una mera politica di assistenza sociale fine a sé stessa. Il peso dato alle Regioni per dimostrare il contrario è quindi assolutamente non giustificabile”.

“Possiamo dire con certezza – conclude Berrino – che il reddito di cittadinanza è servito quindi solo a dare lavoro ai navigator, lavoratori senza lavoro, e per di più precari. Insomma, un vero e proprio spreco di risorse umane e di denari: oltre 5 miliardi di euro a quanto dice la relazione della Corte dei Conti!”.

Più informazioni
leggi anche
  • Aiuti economici
    Covid, aumentano le richieste di Reddito di Cittadinanza: “A Savona presentate 7.250 domande”
  • Lavoro
    Alassio, tirocini professionali per chi riceve reddito di cittadinanza: pubblicato il bando

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.