IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Protesta infermieri, Ardenti (Lega): “Con riforma in Liguria giusto riconoscimento ad ogni figura professionale”

"Tutti gli operatori sanitari devono trovare spazi decisionali nella sanità"

Regione. “Ieri con l’assessore regionale Sonia Viale abbiamo incontrato gli infermieri che in piazza De Ferrari a Genova stavano manifestando per chiedere al Governo il giusto riconoscimento della professione all’interno del sistema sanitario. Non solo infermieri ma anche tecnici di laboratorio e radiologia, ostetriche e con loro tutte le professioni sanitarie devono trovare spazi decisionali nell’organizzazione della nostra sanità”. Lo dichiara il vicecapogruppo regionale della Lega Paolo Ardenti.

“In tal senso ricordo che la riforma sanitaria, presentata dall’assessore Viale e votata dal Consiglio regionale, ha tra gli elementi fondanti la pari dignità di ogni figura professionale – aggiunge – Siamo lontani dalla visione del centrosinistra che vorrebbe utilizzare più infermieri perché costano meno di un medico. Idea insensata che solo chi non conosce il mondo del lavoro e ragiona solo in termini economici può formulare”.

“Per noi un infermiere è colui che deve coordinare il funzionamento quotidiano di un reparto, colui che deve relazionarsi con i pazienti, anche confrontandosi con loro su problemi non strettamente clinici – dichiara ancora Ardenti – Spesso è il collegamento con la famiglia ed è soprattutto il primo che può verificare il malfunzionamento del sistema sanitario”.

“Se vogliamo cambiare davvero il sistema sanitario nazionale e regionale l’unica via è pensare che la ricchezza delle nostre Asl non è solo nei nomi dei loro primari ma nella forza e nella formazione delle professioni sanitarie. L’emergenza Covid-19 lo ha messo in evidenza – conclude – Il centrosinistra continua ad affermare, peraltro senza sapere quel che dice, che l’emergenza è stata superata grazie alla sanità pubblica mentre in realtà in ogni regione la si è superata grazie a tutto il comparto pubblico e privato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.