Soccorso

Madre uccisa dai bracconieri, cinghialino affamato e disidratato soccorso da Enpa

Il cucciolo è ora ospitato da una collaboratrice della Protezione Animali

Cinghialino Enpa

Albisola Superiore. Un cinghialino di pochi mesi ha vagato per diversi giorni nei dintorni di Ellera (Albisola Superiore), affamato e disidratato, finchè è stato trovato vicino ad un ristorante e soccorso.

Il cucciolo è ora ospitato da una collaboratrice della Protezione Animali che, per conto dell’associazione, se ne prenderà cura fino all’autosufficienza. 

“Con l’attenuazione del distanziamento sociale e delle norme anticovid19, è subito ripreso il fenomeno del bracconaggio (non superiore né inferiore ad altre zone d’Italia) ed è probabile che la madre sia stata uccisa da bracconieri”, hanno fatto sapere da Enpa. 

“Il recupero dei cinghiali (ma anche caprioli e daini) feriti o in difficoltà è affidato dalla Regione Liguria agli Ambiti territoriali di caccia ma Enpa quando può collabora; a tutti gli altri animali selvatici provvede, di propria iniziativa, la Protezione Animali, associazione privata e non governativa”. 

“Ciò in attesa che la Regione Liguria organizzi un efficace recupero h24 con proprio personale o tramite convenzioni; Enpa ha nuovamente richiesto alla giunta Toti (assessore Mai) l’adozione di tale obbligo di legge ma non ha ancora avuto risposta, mentre l’estate incalza ed aumentano, giorno dopo giorno, i soggetti bisognosi segnalati”, hanno concluso i volontari. 

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.