Gal Valli Savonesi, gruppi di cooperazione per progetti pilota: settore forestale, idrogeologico e recupero zone rurali - IVG.it
Entroterra

Gal Valli Savonesi, gruppi di cooperazione per progetti pilota: settore forestale, idrogeologico e recupero zone rurali

Per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi produttivi e tecnologie, ecco gli avvisi

Savona. Oltre ai bandi in essere per comuni, enti e aziende, il Gal Valli Savonesi lancia altre iniziative legate alla creazione di gruppi di cooperazione.

Nell’ambito della strategia di sviluppo locale “Più valore all’entroterra”, sono presenti progetti pilota e per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie all’insegna dell’innovazione.

I progetti pilota devono realizzarsi attraverso un partenariato (Gruppo di Cooperazione): per questo il Gal Valli Savonese ha indetto tre avvisi pubblici per ricevere manifestazioni d’interesse dai potenziali destinatari.

Ecco i progetti:
1) progetto pilota “Buone pratiche del bosco e innovazione delle strategie di gestione delle filiere forestali”: il progetto deve realizzarsi all’interno di un Gruppo di Cooperazione (GC). Il GC deve essere costituito da: Comuni (almeno 6), Enti Parco (almeno 2), altri soggetti della filiera forestale che siano in territorio del Gal Valli Savonesi. Il capofila deve essere un Comune. La durata del progetto può essere al massimo di 18 mesi. Le azioni previste dal progetto devono essere localizzate in territorio del Gal Valli Savonesi.

2) progetto pilota “Monitoraggio del rischio idrogeologico e da incendio boschivo”: il progetto deve realizzarsi all’interno sempre con un Gruppo di Cooperazione (GC).
Il GC deve essere costituito da: Comuni (almeno 6), Enti Parco (almeno 2) che siano in territorio del Gal Valli Savonesi. Il capofila deve essere un Comune. La durata del progetto può essere al massimo di 18 mesi. Le azioni previste dal progetto devono essere localizzate in territorio del Gal Valli Savonesi.

3) progetto pilota “Banca della terra”: il progetto deve realizzarsi con un Gruppo di Cooperazione (GC). Il GC deve essere costituito da: Comuni (almeno 6), Enti Parco (almeno 2), associazioni di categoria agricola (almeno 2), aziende agricole (almeno 5) che siano in territorio del Gal Valli Savonesi o le cui attività producano ricadute in area Gal. Il capofila deve essere una associazione di categoria agricola. La durata del progetto può essere al massimo di 18 mesi. Le azioni previste dal progetto devono essere localizzate in territorio del Gal Valli Savonesi.

Gli avvisi con i riferimenti sono pubblicati sul sito del Gal Valli Savonesi alla pagina: http://www.vallisavonesigal.it/bandi-e-avvisi/.

Il termine per la presentazione delle manifestazioni d’interesse è fissato al 7 luglio prossimo.

leggi anche
  • Opportunità
    Progetto per filiera forestale, contributo Gal Valli Savonesi per la formazione di un nuovo Consorzio
    operatori forestali
  • Nuova programmazione
    Coronavirus, Gal Valli Savonesi: bandi da oltre 5 mln di euro, proroga scadenze per imprese ed enti locali
    territorio entroterra
  • Opportunità
    Gal Valli Savonesi, a Quiliano la presentazione dei progetti per l’albicocca e il recupero dei castagneti
    albicocca di valleggia
  • Opportunità
    Agrobiodiversità, doppio bando del Gal Valli Savonesi: incontro con enti e aziende agricole
    castagneto
  • Sviluppo del territorio
    Gal Valli Savonesi: outdoor, turismo sostenibile e rilancio dell’entroterra, approvati bandi per 4,5 mln
    gal valli savonesi

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.