IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Effetto Covid: per le industrie calo del fatturato del 15%, per i servizi si arriva al 70% foto

Ecco i dati di Bankitalia sull'andamento dell'economia ligure a seguito dell'emergenza sanitaria

Liguria. Un calo del fatturato per i primi sei mesi del 2020 di almeno il 15% per metà delle industrie liguri e per il 70% dei servizi con almeno 20 dipendenti, con un recupero solo parziale previsto nella seconda metà dell’anno. L’85% delle attività industriali in Liguria ha risentito negativamente degli effetti economici della pandemia. Nel primo trimestre di quest’anno le esportazioni (al netto della cantieristica) sono diminuite del 6%.

Questa la fotografia dell’andamento dell’economia ligure da parte di Banca d’Italia alla luce del periodo Covid e presentata questa mattina. La chiusura delle attività considerate non essenziali per fronteggiare l’emergenza sanitaria ha riguardato in Liguria attività economiche cui è riconducibile direttamente circa il 24% del valore aggiunto, a fronte del 27,7 nella media italiana.

L’economia ligure, che presenta la più elevata terziarizzazione tra le regioni del Nord, trae una porzione non trascurabile del proprio prodotto (16%, a fronte del 10% per l’Italia) da comparti che si basano sulla mobilità di merci e persone: trasporti, logistica e turismo, tra cui il comparto crocieristico, che negli ultimi anni aveva registrato una forte crescita.

Il mercato del lavoro regionale affronta le conseguenze dell’emergenza sanitaria ancora pesantemente segnato dalle recessioni dello scorso decennio; nel 2019 il numero degli occupati era aumentato solo dello 0,4%. Nel primo trimestre del 2020 l’occupazione si è ridotta dello 0,6 per cento. Nei mesi di marzo e aprile di quest’anno i dati sulle Comunicazioni obbligatorie evidenziano un calo di quasi il 60% del numero di nuove attivazioni di posizioni lavorative dipendenti.

La finanza pubblica. Per affrontare l’emergenza Covid-19 in Liguria è stato potenziato il sistema sanitario locale, con l’ingresso di nuovo personale e un raddoppio dei posti in terapia intensiva. La situazione di bilancio degli enti territoriali è mediamente equilibrata: il lieve disavanzo, registrato all’inizio del 2019, è in larga misura ascrivibile alla Regione, sul cui saldo negativo gravano i costi connessi con il comparto sanitario; la quasi totalità dei Comuni ha conseguito un avanzo. Nel 2020 gli equilibri di bilancio di questi ultimi risentiranno degli effetti dell’emergenza sanitaria: a fronte di spese in gran parte incomprimibili, vi saranno da fronteggiare i vincoli di liquidità connessi con lo slittamento degli incassi e con le perdite di gettito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.