IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Due caprioli in difficoltà soccorsi da Enpa: “E tra una settimana riapre la caccia”

"E' un brutto momento (ma lo è da sempre) per i caprioli che abitano i boschi liguri"

Più informazioni su

Varazze/Quiliano. “Nei giorni scorsi un giovanissimo capriolo è stato attaccato da un cane in frazione Pero di Varazze e ferito gravemente. Un adulto è stato trovato agonizzante in un terreno a Quiliano”. Lo comunica la Protezione Animali savonese.

“Gli stessi ritrovatori, in contatto con la Protezione Animali, l’hanno portato da un veterinario che lo ha sottoposto a immediate cure ma è morto nella notte; un soggetto adulto è invece stato trovato agonizzante in un terreno a Quiliano; dopo lunghe telefonate per i soccorsi, è stato recuperato da personale dell’Ambito territoriale di caccia e portato per le cure ad un veterinario specializzato di Vado Ligure”.

Aggiungono da Enpa: “E’ un brutto momento (ma lo è da sempre) per i caprioli che abitano i boschi liguri (presenti per colpa dei cacciatori, che li hanno liberati affinché crescessero e potessero essere poi cacciati, come avviene). Tra una settimana verrà riaperta dalla Regione Liguria per un mese la caccia di selezione al maschio; nei gironi scorsi un giovanissimo capriolo è stato attaccato da un cane in frazione Pero di Varazze e ferito gravemente; gli stessi ritrovatori, in contatto con la Protezione Animali che li ringrazia, l’hanno portato da un veterinario che lo ha sottoposto a immediate cure ma è morto nella notte; un soggetto adulto è invece stato trovato agonizzante in un terreno a Quiliano (video impressionante, attenzione); dopo lunghe telefonate per i soccorsi, è stato recuperato da personale dell’Ambito territoriale di caccia e portato per le cure ad un veterinario specializzato di Vado Ligure”.

“Il recupero e la cura degli ungulati feriti (caprioli, daini e cinghiali) è affidato dalla Regione Liguria agli Ambiti di caccia, mentre a tutto il resto della fauna selvatica pensa la Protezione Animali savonese, associazione privata e non governativa, con propri mezzi e volontari, potendo però contare solo su un contributo regionale che copre meno del 30% delle spese. Da tempo l’Enpa chiede alla Regione Liguria di adempiere all’obbligo giuridico di organizzare, con personale e risorse pubblici o privati convenzionati adeguati, il soccorso e la cura dei selvatici feriti ed in difficoltà, vera e crescente emergenza faunistica da almeno 25 anni; nel mese scorso Enpa lo ha nuovamente richiesto con posta elettronica certificata al presidente Toti ed all’assessore Mai ma non ha ancora avuto risposta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.