IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, raccolta fondi dei Floricoltori a favore della Croce Bianca di Albenga: donati oltre 2.100 euro

A quasi tre mesi dall’inizio dell’emergenza Covid, la Croce Bianca di Albenga tira le somme del lavoro fatto

Albenga. A quasi tre mesi dall’inizio dell’emergenza Covid, la Croce Bianca di Albenga tira le somme del lavoro fatto.

Anche il presidente Dino Ardoino, in associazione da ben 72 anni, ammette che “una cosa così non si era mai vista nei 108 anni di storia associativa. Né la spagnola, né la polio, né l’asiatica o altro hanno avuto un impatto tale sulla società e sulle persone. Nonostante ciò, la Croce Bianca ha confermato nuovamente le straordinarie qualità dei suoi volontari, ma anche il caloroso affetto della gente di Albenga e del comprensorio, che non l’hanno mai lasciata sola”.

In questo periodo, oltre all’attività ordinaria in Albenga e nelle otto sezioni, è stata garantita un’attività straordinaria legata all’emergenza Covid, con ambulanze dedicate e appositamente predisposte, che intervenivano a turno su tutto il ponente savonese, ed altre assegnate al servizio sanitario domiciliare di controllo GiSat, per un totale di più di 800 servizi e più di 32.000 chilometri percorsi. Tutto ciò ha però richiesto un grande sforzo, anche economico, nel reperimento e nell’approvvigionamento dei dispositivi di protezione, di sanificazione e tutti i presidi necessari in questa emergenza.

Purtroppo questo impegno non è ancora terminato, ma anzi porta con sé delle conseguenze per il prossimo futuro, poiché “le continue sanificazioni a base di cloro hanno fortemente danneggiato le ambulanze, creando un’usura straordinaria delle parti interne e delle attrezzature, e rovinato irrimediabilmente le divise dei militi”.

Oggi la Croce Bianca “per proseguire la propria attività e continuare a garantire il necessario servizio a chi ne ha bisogno, deve quindi fare i conti con incombenze finora impreviste. Ma sempre per il bene della propria gente non smette mai di guardare al futuro e si predispone a sostituire almeno un mezzo, che dopo 21 anni di onorato servizio e l’emergenza Covid, necessita di essere cambiato e a rimpiazzare in blocco il vestiario degli operatori, dovendo affrontare un onere economico che supera i 100 mila euro”.

“Per fare questo, però, non manca mai la vicinanza e la generosità della comunità locale che per sostenere l’attività della Croce si prodiga con straordinario entusiasmo ed enorme cuore. Infatti per sabato 30 maggio ad Albenga, in piazza 4 novembre, dalle 10 alle 18.30 è stata organizzata una raccolta fondi a favore della Croce Bianca di Albenga: le aziende agricole Ingaune Pastor Luigi ss, San Giorgio di Poggi Roberto, Valgiraldo Giulio, C&G Floricoltura di Calleri Gerolamo e Claudio, Barone Luigi, Floricola Alberto, Gollo Mauro, RB Plant, Oroflor di Luca Viglino, Vigo Gerolamo, l’Ortofrutticola e la Fitimex, riconoscenti per lo straordinario impegno dei militi volontari durante l’emergenza Covid, che li ha visti in prima linea, rischiando anche per la propria salute, hanno offerto i loro prodotti raccogliendo 2.123 euro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.