IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, nuovi controlli a tappeto dei carabinieri: arrestati pusher, denunciati e sanzionati gestori di negozi etnici fotogallery

Tra i consumatori di droga segnalata anche una insospettabile impiegata 47enne

Albenga. Gli esercizi etnici di viale Pontelungo e via Genova, i parchi e gli spazi verdi di piazza Europa, piazza del Popolo, piazza Berlinguer e il centro storico della città. Sono stati questi i principali luoghi interessati dai controlli effettuati dai carabinieri di Albenga dal tardo pomeriggio di ieri e durante tutta la notte scorsa. Il nuovo ed importante servizio di prevenzione e sorveglianza si inserisce nel quadro dei controlli del territorio che da molto tempo si susseguono incessantemente nella città delle Torri.

carabinieri albenga

L’operazione ha visto coinvolte otto pattuglie, con la collaborazione di due unità cinofile specializzate del nucleo carabinieri di Villanova d’Albenga, dei militari in borghese della sezione operativa del Nor della compagnia ingauna, nonché dei militari specializzati del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro, supportati dall’elicottero Fiamma del 15 Nec di Albenga. I militari hanno avuto il supporto dei cani antidroga “Bono” e “Rex”.

Così come già accaduto nelle scorse settimane, nel corso del servizio di controllo “a tappeto” è stata riservata particolare attenzione all’attività di contrasto allo spaccio ed al consumo di droga di ogni genere, specie tra i giovani. Ancora una volta sono stati identificati diversi giovani consumatori colti con droga appena acquistata dai pusher della zona. Come previsto dall’attuale panorama normativo, gli “assuntori” di droga sono stati segnalati alla Prefettura perché in possesso di stupefacente per uso personale. Diverse le “tipologie” di clienti della droga: dal giovane “punkabbestia” novarese in vacanza alla insospettabile impiegata 47enne. In tutto sono stati identificati e segnalati alla prefettura 15 assuntori di droga.

Mentre i militari in uniforme erano impegnati nei controlli, quelli in borghese hanno operato in altre zone, arrestando i pusher monitorati durante lo “smercio”. Specie nelle ultime 36 ore la sezione operativa ha intensificato i controlli in orario serale mediante appostamenti, pedinamenti e perquisizioni personali e veicolari.

Sono stati controllati decine e decine di stranieri (quasi tutti già noti alle forze dell’ordine per precedenti penali inerenti lo spaccio). Diversi di loro sono stati accompagnati in caserma per accertamenti o per le operazioni di fotosegnalamento. Per due di questi, attivamente ricercati, è stata data esecuzione a una misura cautelare personale del divieto di dimora nella provincia di Savona, la cui violazione porterà alla sistematica disposizione della carcerazione preventiva da parte dall’ufficio del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Savona.

Un 27enne marocchino, domiciliato in via Roma, è stato arrestato in flagranza di reato poiché colto dai carabinieri in borghese proprio mentre cedeva di una dose di cocaina. L’uomo è stato tradotto direttamente nel carcere imperiese a disposizione del pubblico ministero. Lo stupefacente e circa 300 euro in contanti, considerati guadagno illecito, sono stati sequestrati.

Il centro storico è stato ripetutamente pattugliato a piedi dai militari e dai cani in cerca dei nascondigli per la droga. Sono state rinvenute e sequestrate diverse dosi di stupefacente.

Il parco di piazza Europa è stato controllato, ancora una volta, in modo ripetuto ed in più fasce orarie, anche serali. Lì sono stati identificati diversi cittadini stranieri. Per alcuni di questi, irregolari, sono scattate le procedure per l’espulsione.

Per quanto attiene il controllo degli esercizi pubblici, i carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro di Savona, supportati dai colleghi della locale stazione, hanno nuovamente visitato tutti gli esercizi etnici di viale Pontelungo e via Genova che in precedenza avevano fatto registrare irregolarità o criticità. In alcuni casi sono scattate sanzioni amministrative e denunce penali. In particolare sono state riscontrate irregolarità di natura penale nei confronti di una macelleria etnica Hallal e di un negozio cinese di abbigliamento in via Genova per violazioni in materia di lavoro. Sanzionato dai carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro anche un circolo privato in via del Roggetto, per palesi violazioni sulle prescrizioni anti contagio da Covid-19. Verranno inviate, inoltre, apposite segnalazioni all’ufficio commercio del Comune di Albenga e alla Questura di Savona, per i provvedimenti di specifica competenza.

Infine, in tarda serata, una pregiudicata di Albenga è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria per minacce e oltraggio a pubblico ufficiale. Una pattuglia di carabinieri ed una della polizia locale sono dovute intervenire in viale Pontelungo, chiamate da un esercente che aveva segnalato la presenza di una donna vistosamente ubriaca che disturbava e minacciava i passanti ed i clienti. All’arrivo dei militari la donna ha continuato a tenere un comportamento aggressivo e oltraggioso anche nei confronti degli operatori delle forze dell’ordine, che hanno dovuto procedere ad accompagnarla in caserma e sanzionarla penalmente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.