IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Presidente del Consiglio comunale a Varazze, il consigliere Busso: “Pratica inutile e costosa”

Il gruppo "Vola Varazze" ha votato No: "Meglio occuparci di gestire la Fase 2"

Varazze. Il gruppo di minoranza “Vola Varazze” ha votato negativamente sull’introduzione della figura del presidente del Consiglio comunale: “Non è il momento per il nostro ente di spendere denari per un incarico di scarsissima utilità (nessun membro della maggioranza riuscirà a mitigare le sedute fiume del nostro Consiglio che arrivano a durare anche 7 ore) e inoltre questa figura è frutto di scelte portate avanti dalla maggioranza in maniera autonoma senza alcuna considerazione per le osservazioni e opinioni delle minoranze” afferma il consigliere di opposizione Paola Busso.

“È corretto che i varazzini sappiano che questa decisione onerosa per la città è frutto delle modifiche dello Statuto e del Regolamento del Consiglio comunale fatte lo scorso anno e votate solo dalla maggioranza. All’epoca uscirono articoli in cui spiegavamo ai cittadini che eliminare le Commissioni consiliari, inserire il presidente del Consiglio, non accettare la proposta di porre un limite di tempo agli interventi del sindaco erano proposte peggiorative che avrebbero rallentato l’operato delle minoranze, operato importante anche per chi non le ha votate perché garantisce controllo ed equilibrio” aggiunge.

“Il frutto di queste modifiche è l’istituzione di questa carica che sicuramente inorgoglisce chi la ricopre ma non aggiunge nulla alla nostra democrazia cittadina, ma aggiunge addirittura un costo mensile, molto invece è stato tolto con l’eliminazione delle Commissioni. Invitiamo i varazzini ad essere vigili, ciò che accade oggi talvolta matura nel tempo, li invitiamo altresì a seguire i Consigli comunali, oggi a mezzo streaming a causa della situazione, per comprendere ciò che accade nella città”.

“Il tema del presidente del Consiglio comunale è importante, rappresentativo di una modalità di azione, ma oggi è ancora più fondamentale occuparci di come viene gestita la fase 2: vanno gestiti i luoghi di possibile assembramento come mercati, parchi e locali pubblici e va promosso il nostro tessuto commerciale in modo serio e fattivo, non bastano i proclami e qualche elemento di cartellonistica” conclude il consigliere Paola Busso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.