IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liguria coast to coast, per un territorio che riparte… di corsa

Si avvicina l'appuntamento con la staffetta dell'Asd RunRivieraRun, in programma sabato 23 e domenica 24 maggio

Più informazioni su

Pietra Ligure. L’Asd RunRivieraRun è pronta ad una nuova sfida, un nuovo grande progetto/evento denominato “La Liguria che riparte. Di Corsa“.

Si tratta di una staffetta individuale da Ventimiglia a La Spezia, sabato 23 e domenica 24 maggio, che coinvolgerà sia i runners della società organizzatrice, gli All Blacks RunRivieraRun, sia i runners di tutte le società liguri Fidal che desidereranno partecipare, ognuno con la propria canotta sociale.

Idealmente testimone degli staffettisti sarà rappresentato dai prodotti locali, enogastronomici e di artigianato attraverso il coinvolgimento delle associazioni di categoria. Molte sono le amministrazioni, le imprese dell’artigianato e agricoltura coinvolte: oltre ottanta.

L’incontro è organizzato al fine di consegnare alla Regione il “paniere di Liguria”, un cesto con i prodotti liguri raccolti durante la staffetta di corsa da Ventimiglia a La Spezia lungo la Via Aurelia per 270 chilometri di percorso.

Sarà un messaggio sia sportivo sia di sviluppo economico: sportivo affinché il podista riacquisti la sua immagine di “portatore” di positività, di benessere, per un’attività motoria e sportiva che fa bene a noi stessi e agli altri; di sviluppo economico perché rappresenterà la volontà della Liguria di ripartire, di guardare al futuro, di correre insieme alle proprie aziende.

Verrà girato un video spot promozionale dell’evento e del territorio, che coglierà tutte le bellezze ed i prodotti della Liguria.

Si partirà da Ventimiglia sabato 23 maggio alle ore 8 per arrivare interno alle ore 20 a Genova al Porto Antico, mentre domenica 24 maggio si partirà da Caricamento alle ore 8,30 per arrivare a La Spezia verso 17.

Il progetto coinvolge quasi tutte le squadre di atletica leggera della Liguria per condividere un messaggio comune: la Liguria che riparte, in tutti i sensi. I podisti coinvolti sono circa duecento e saranno suddivisi tra tutti i 270 chilometri, pertanto non ci sarà nessun tipo di assembramento.

La Genova Liguria Film Commission, fondazione regionale che si occupa di produzioni audiovideo, realizzerà le riprese su tutta la Liguria e si occuperà del montaggio di due progetti audiovisivi, uno spot breve e un documento audiovisivo più ampio per la valorizzazione del territorio e delle sue peculiarità.

Lunedì 25 maggio alle ore 11 la delegazione costituita da Riccardo Artesi presidente della Fidal, Cristina Bolla presidente di Genova Liguria Film Commission, Luca Costi direttore di Confartigianato Liguria e Luciano Costa presidente dell’Asd RunRivieraRun, sarà ricevuta in Regione presso l’auditorium dall’assessore allo sport Ilaria Cavo.

liguria d icorsa

Di seguito il messaggio diffuso dall’Asd RunRivieraRun:

“In questa fase di emergenza Covid-19 abbiamo cercato di restare vicino ai podisti con iniziative, sia per i nostri tesserati sia per tutti gli atleti, che ci permettessero di non fermarci, di andare avanti, perché questo è ciò che noi siamo e abbiamo sempre dimostrato dalla nostra nascita nel 2015.

Certo, rispettando le regole, i decreti, le ordinanze, perché il buonsenso e l’educazione sono i cardini di un Mondo civile e di una società, ma andando avanti con lo sguardo fermo verso il futuro.

Sono così nate: a) La Rete della Parola il 19 marzo, creando un Progetto complementare a quello “storico” Socializzazione e Benessere, dove ci siamo messi a disposizione di tutti coloro che, rinchiusi in casa magari in solitudine oppure che ne avevano desiderio, volessero dialogare, cercassero conforto e parole b) la Virtual RunRivieraRun il 29 marzo, una gara di 5 km. sul tapis roulant con diretta facebook, dove i partecipanti potevano gareggiare e postare tempo e foto con la partecipazione, fuori gara, di coloro che corressero e camminassero intorno alla propria abitazione, in giardino, per le scale, in casa, ovunque c) Il MoMo, il Motivation Monday, la Playlist che abbiamo pubblicato ogni lunedì sulla nostra pagina fb Asd RunRivieraRun per coloro che hanno svolto attività fisica in casa e per coloro che, adesso, andranno a correre e camminare d) il Manifesto All Blacks dove a Pasqua, il 5 aprile, abbiamo pubblicato le foto dei nostri tesserati chiedendogli, in un periodo difficile per i runners, additati quasi come untori, una loro foto che rappresentasse la passione e l’amore per la corsa, strumento di salute e non di morte, creando delle cartoline che, quando l’emergenza sarà terminata, diventeranno uno striscione che porteremo in ogni nostra gara e) le Videoconferenze Skype “I Re e le Regine dell’Atletica ai tempi del Covid-19” che abbiamo organizzato dal 18 aprile al primo maggio avendo grandi ospiti come Giorgio Calcaterra, Stefano Baldini, Stefano Mei, Nadia Ejjafini e Anna Incerti.

Ma adesso è tempo di Coraggio (sempre nei limiti di ciò che è permesso) e Creatività, è tempo di mettere da parte ciò che il Mondo era e adeguarsi al presente per arrivare forti e preparati al futuro.

Tante sono le gare annullate e rimandate al 2021 (noi stessi abbiamo dovuto rimandare a data da destinarsi la UltrAndora Run e la Alto Monferrato Wine Race come gare federali e la BiBi Race come gara non competitiva), leggiamo di scoramento e rassegnazione, di paura e sfiducia.

Tutto legittimo, assolutamente, e che continuerà ad esserlo nel caso questa situazione si protragga a lungo.

Ma noi vogliamo rimetterci in gioco, dimenticare ciò che esisteva a febbraio e ripartire con tutte le dovute precauzioni, ma dritti e decisi, in accordo con le Istituzioni, perché la vita è adesso, il mondo è adesso e noi dobbiamo dare il nostro contributo.

Poi se lo Stato deciderà in maniera diversa, noi dovremo adeguarci alle loro decisioni, ma sarà l’ultima “extrema ratio”, sarà l’unica occasione nella quale alzeremo la bandiera bianca e chi ha corso con noi la RunRivieraRun Half Marathon 2018, sa di cosa stiamo parlando, circondati, allora, da allerte e nubifragi.

Le grandi organizzazioni, parliamo di gare Gold e Silver, stanno cercando di essere coinvolte dalla Fidal, affinché possano esprimere il loro parere ed aiutare il Movimento a redigere delle normative sostenibili per le gare, quando sarà possibile farle.

Noi stiamo studiando, attendendo le normative governative prima e federali poi, nuove possibilità di creare gare… ci saranno meno partecipanti, ci saranno più costi che ricavi, ci saranno restrizioni… tutto vero, ma non possiamo dire a un tesserato iscritto per il 2020… “ci vediamo al 2021″… o meglio, non possiamo dirlo a prescindere, senza prima non averle provate tutte per dargli la possibilità, se lo desidera, di praticare la sua passione, il suo sport.

Le proveremo tutte e se poi, ripeto, per il bene comune, dello Stato e delle persone, ci verrà detto che dobbiamo fermarci, noi ci fermeremo, perché il rispetto delle regole è ciò che insegniamo e pretendiamo da noi stessi e dai nostri ragazzi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.