Filma lo spaccio a Milano e viene colpito in testa: Vittorio Brumotti di “Striscia” in ospedale - IVG.it
Brutta disavventura

Filma lo spaccio a Milano e viene colpito in testa: Vittorio Brumotti di “Striscia” in ospedale

Traportato al Niguarda è stato medicato e dimesso. Solidarietà da parte del governatore ligure Toti

Brumotti spaccio bastonate

Finale Ligure. A bordo della sua fedele bicicletta si è recato nuovamente a Milano per documentare e denunciare, ormai come di consueto in tutta Italia, episodi di spaccio. Ma questa volta è andata davvero male ed è finito anche in ospedale. 

Stiamo parlato di Vittorio Brumotti, l’inviato di “Striscia La Notizia” e campione di bike trial originario di Finale Ligure che, ormai da tempo, ha avviato una vera e propria battaglia contro la droga e, soprattutto, contro chi la “commercia”. 

Numerosi gli episodi di violenza e minacce subiti nei mesi scorsi, che sono culminati in una vera e propria escalation di violenza al termine di quest’ultimo servizio, in zona Porta Venezia, dove Brumotti è stato avvicinato e colpito con violenza alla testa (probabilmente con un bastone).

Per lui è stato necessario il trasporto all’ospedale Niguarda, dove fortunatamente è stata necessaria solo qualche medicazione, per poi essere dimesso “pronto, – a detta sua, – a tornare in strada il prima possibile per continuare la lotta allo spaccio”. 

L’episodio non ha lasciato indifferente nemmeno il mondo della politica. Tante le manifestazioni di solidarietà, da Matteo Salvini a Giorgia Meloni. Anche il presidente di Regione Liguria ha postato un commento di vicinanza sui social: “Solidarietà a Vittorio Brumotti, colpito alla testa mentre tentava di documentare lo spaccio a Milano. Forza Vittorio, hai sempre combattuto contro violenza e illegalità e sono sicuro che neanche questa aggressione potrà fermarti. Siamo con te in questa battaglia e ti aspettiamo presto, ancora più determinato di prima”.

leggi anche
Brumotti spaccio bastonate
Polemica
Vittorio Brumotti aggredito a Roma, Chef Rubio attacca: “Infame. Troppo poche te ne hanno date”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.