IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fase 2, videoconferenza in Prefettura con i sindacati: “Verifiche ispettive nelle aziende e rispetto dei protocolli sanitari”

L'esito dell'incontro in remoto sulla ripartenza nei diversi settori produttivi

Savona. Si è tenuta nella mattinata odierna in videoconferenza con la Prefettura l’attesa riunione per affrontare la gestione della ripartenza nel rispetto delle normative e delle disposizioni vigenti per il contenimento del contagio.

L’incontro che, oltre a quella del Prefetto e del Presidente della Camera di Commercio, ha registrato la partecipazione della quasi totalità dei rappresentati delle associazioni dei datori di lavoro, delle organizzazioni sindacali e dei responsabili degli organi ispettivi e di controllo, ha confermato l’esigenza di un forte coordinamento territoriale finalizzato a guidare le imprese nel complesso percorso di riapertura nel rispetto delle disposizioni anti-contagio.

“Non sono mancate numerose segnalazioni in merito alla necessità di una maggiore chiarezza normativa che, a causa di provvedimenti non sempre coerenti tra i vari livelli legislativi, da un lato, scoraggia ovvero complica la fase di ripartenza delle imprese e, dall’altro, disorienta i cittadini, i clienti ed i potenziali turisti” hanno evidenziato i sindacati.

“Dalla riunione è comunque emersa la disponibilità da parte della Prefettura e degli organi di controllo territoriali a confrontarsi, nel rispetto della propria autonomia e delle proprie finalità, con i rappresentanti del mondo del lavoro per monitorare le difficoltà e per individuare possibili soluzioni che favoriscano la ripresa superando l’esclusivo ruolo sanzionatorio”.

“È stato ribadito che la difesa della salute dei lavoratori, degli imprenditori, dei clienti e dei cittadini non rappresenta un bene un negoziabile e che, per tale motivo, la cosiddetta Fase 2 deve essere affrontata con sano ottimismo ma con adeguata cautela”.

“Rispetto alle verifiche ispettive in corso in questi giorni, Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto di ripartire da quelle aziende e da quei settori per i quali, attraverso l’azione delle proprie federazioni di categoria, sono state presentate specifiche denunce quali ad esempio Asl, Rsa ed alcuni istituti bancari”.

“L’occasione infine è stata utile per segnalare, ancora una volta, i pesanti ritardi con cui vengono pagati gli ammortizzatori sociali e gli effetti che gli stessi stanno determinando sul tessuto sociale” concludono i sindacati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.