IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Congiunti fuori regione, albenganese scrive a Conte: “Le famiglie non hanno confini”

La testimonianza di una donna che da mesi non può prendersi cura della madre 75enne

Più informazioni su

Albenga. “Visto che stanno circolando informazioni su possibili aperture alla visita agli amici, voglio rendere pubblica questa mia lettera inviata a Conte la scorsa domenica per segnalare il mio disappunto sulla mancata possibilità di ricongiungimento fuori regione”. L’autrice è una donna nata ad Albenga ma residente ora a Borgo San Dalmazzo, in provincia di Cuneo, e che per questo dall’inizio del lockdown non può vedere la madre.

Abbiamo affrontato il tema lunedì, raccontandovi di una petizione online e di un gruppo Facebook nati proprio per sensibilizzare sul tema dei congiunti separati dai confini regionali. Da lunedì, quando (pare ormai certo) sarà nuovamente possibile far visita agli amici, i parenti separati da un confine regionale saranno gli unici a non potersi fisicamente rivedere. Una situazione che sta diventando sempre più difficile per chi è costretto a viverla.

Non è ammissibile che mia madre possa vedere chiunque in regione e non sua figlia – tuona la donna – per il supporto che le ho sempre garantito, anche con visite giornaliere. E, in questo momento, sono la prima io a voler mettere in campo tutte le precauzioni per proteggerla: il mio supporto diretto, oltre che confortarla, limiterebbe incontri a quel punto non necessari“.

Egregio Presidente – scrive nella sua lettera – mi trovo costretta a scriverLe, con senso di collaborazione verso Lo Stato, per la farle presente l’ingiustizia che ritengo di aver subito in questo giorno dedicato alle mamma. A causa di una linea astratta di confine regionale tra Liguria e Piemonte, non ho potuto nemmeno regalare a mia madre settantacinquenne un sorriso e un abbraccio con gli occhi“.

Le famiglie, Signor Presidente, non hanno confini! Non è ammissibile costruire dei muri invalicabili, in corrispondenza dei quali, nel mio caso, nemmeno esiste un parcheggio per salutarsi senza incorrere in sanzioni penali! E la scorsa settimana era il miglior momento possibile per incontrare i propri genitori anziani, seppur autosufficienti, poiché con la ripresa del lavoro in fabbrica e le necessità rimandate per mesi da entrambe le parti, stiamo tutti intensificando i contatti, seppur educati al distanziamento. Il risultato infatti è che mia madre sta riprendendo i contatti necessari alla sua quotidianità ma le è negato il supporto di sua figlia da mesi. La prego di riconsiderare al più presto le disposizioni sui ricongiungimenti familiari, almeno quelli facilmente comprovabili con un Atto di Nascita“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.