IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Caso Darsena, Caprioglio: “Se Toti venisse mi vedrebbe in giro. Save&Safe Village? Lo valutiamo” fotogallery

Il primo cittadino savonese chiarisce sugli assembramenti: "No a sindaci sceriffi, strumenti per i Comuni e sensibilizzazione dei cittadini"

Savona. Dal caso della Darsena a Savona di venerdì sera passando per il mercato settimanale del lunedì, dove certo gli assembramenti non sono mancati (vedi foto). La Città della Torretta è alla prese con la gestione, complicata, della Fase 2 e del rispetto delle regole e delle disposizioni di sicurezza sanitaria.

Questa mattina il sindaco Ilaria Caprioglio è tornata a fare il punto della situazione: “Abbiamo visto che i controlli delle forze dell’ordine non sono stati sufficienti in quanto era impossibile arginare un urto di giovani che dalle 23.00 si è riversato in Darsena. La sera seguente, invece, c’è stato un dispiegamento davvero imponente… E’ chiaro che serve un equilibrio e per questo già nel pomeriggio incontrerò gli operatori della Darsena per cercare soluzioni comuni e condivise”.

“Ci troveremo comunque di fronte a problemi di ordine pubblico, pensiamo alle spiagge libere e agli accessi quando ci sarà il via libera per la stagione estiva e l’ok allo spostamento tra regioni: chi resterà fuori cosa farà?” si chiede il primo cittadino savonese.

“Quanto al mercato ho visto in prima persona: è chiaro che gli assembramenti ci sono, tuttavia è anche vero che gli operatori hanno fatto uno sforzo notevole per far rispettare le regole” aggiunge ancora Caprioglio.

Caso Darsena, Caprioglio: “Se Toti venisse mi vedrebbe in giro. Save&Safe Village? Lo valutiamo”

Caso Darsena, Caprioglio: “Se Toti venisse mi vedrebbe in giro. Save&Safe Village? Lo valutiamo”

Publiée par IVG.it sur Lundi 25 mai 2020

E poi la stoccata in riferimento al botta e risposta con il presidente della Regione: “Se Toti venisse per una volta a Savona mi vedrebbe in giro…”.

“Serve una azione forte di sensibilizzazione dei cittadini, ma i sindaci non devono fare gli sceriffi come pretende il governatore Toti: è indispensabile una coesione tra le istituzioni e linee guida che fino ad ora dalla Regione non sono arrivate con gli amminstratori lasciati con il cerino in mano…”.

“D’altronde il discorso movida o spiagge libere è una questione nazionale e i casi non sono certo mancati in molte altre città: ai sindaci servono protocolli e strumenti adeguati, altrimenti inutile fare parole e polemiche”.

Il sindaco Caprioglio è poi tornata a parlare del piano “Save&Safe Village”, dalla Darsena al Prolungamento passando per il Priamar: “E’ una possibilità operativa da valutare, tuttavia ho riscontrato che alcuni operatori ed esercizi non sono favorevoli: è indispensabile avere il consenso e l’appoggio di tutti per mettere in atto azioni unitarie ed efficaci nell’interesse collettivo” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.