IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borghetto Santo Spirito, revocata l’ordinanza che imponeva il divieto di balneazione

Le analisi di ARPAL palesano l’azzeramento totale dell’inquinamento da Escherichia Coli

Borghetto Santo Spirito. Il sindaco di Borghetto Santo Spirito Giancarlo Canepa ha firmato la revoca dell’ordinanza del 28 maggio scorso che imponeva il divieto di balneazione nelle acque prospicienti il tratto costiero compreso tra il moro Rosa dei Venti (compreso) ed i Bagni Nicolino (compresi).

“Sono arrivate le analisi delle acque eseguite da Arpal che palesano l’azzeramento totale dell’inquinamento da Escherichia Coli evidenziato dai precedenti campionamenti – ha spiegato il primo cittadino -. Nel frattempo, in collaborazione con la Servizi Ambientali, proseguono gli accertamenti volti a stabilirne le cause”.

Generica

Nei giorni scorsi, le regolari campionature effettuate da Arpal avevano evidenziato, in due punti di prelievo su quattro, valori non conformi: “La causa più probabile è “un possibile guasto all’impianto di depurazione. Ma è anche in corso la sorbonatura del fondale del porto. Stiamo effettuando verifiche a 360 gradi” aveva detto Canepa.

A pochi giorni di distanza dalla riapertura dei confini regionali annunciati dal Governo, l’esito della analisi effettuate da Arpal fa tirare un sospiro di sollievo a tutta la città.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.