IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bergeggi, nasce un Comitato contro i forti rumori che giorno e notte provengono dal porto e turbano la quiete

La movimentazione dei container provoca boati e suoni fastidiosi. Verranno effettuate misurazioni acustiche. La storia di un borgo che ha perso la sua identità

Bergeggi. Sta prendendo forma a Bergeggi un Comitato, di cui fanno parte molti abitanti e titolari di attività turistiche, per denunciare i rumori insopportabili che, di giorno e soprattutto di notte, provengono dal porto di Vado e che si sentono con fastidio fino alle case di Torre del Mare.

Un Comitato agguerrito, che sta per darsi una struttura organica, deciso ad affrontare l’ultima battaglia, la battaglia campale, dopo che tutti i tentativi di confronto non hanno portato ad alcun risultato.

Un po’ di ricordi storici non guastano e vanno dall’arrivo delle infrastrutture portuali, che hanno portato negli Anni 80 e 90 a modificare radicalmente uno degli angoli più suggestivi della Liguria, a cominciare dalle sue scogliere e dal suo fronte mare. Arriviamo piano piano fino ai giorni nostri, con la costruzione della piattaforma Maersk che, nell’immaginario collettivo, si pensava assorbisse le altre attività di movimentazione dei container. Certamente un errore, questo, perché la piattaforma Apm serve solo per l’attracco di grandi navi, lo sbarco dei container o il loro trasferimento su navi di minori dimensioni.

Ma non è un errore – sostengono convinti dal Comitato – denunciare che le rumorose attività portuali portano a movimentare container fino a Bergeggi, al confine con il parcheggio sul mare. Attività che si svolgono al Reefer Terminal, ex Orsero e ora di proprietà di un’azienda della stessa casa madre della Apm ma con una struttura indipendente.

Ci troviamo dunque di fronte a tre grandi aree come appunto la piattaforma, il Refeer Terminal ma anche la zona dei traghetti della Corsica/Sardinia Ferries, anch’essa con ampie zone non sfruttate. La descrizione dei rumori è impressionante: “Boati assordanti ogni volta che viene sganciato un container, probabilmente perché molti sono vuoti, rumore di martellate dall’officina, il continuo cicalio degli avvisatori acustici delle gru”.

Ci si chiede se, per giunta in un periodo di crisi, queste attività non possano essere svolte in una zona più lontana dall’abitato di Bergeggi e essere ridotte almeno di notte: “È dovere di tutti difendere una perla come Bergeggi, con il suo mare unico e un borgo meraviglioso che ha sempre fatto del silenzio una delle sue caratteristiche migliori”.

Per questo il Comitato si è attivato per procedere a misurazioni acustiche e se possibile avviare un dialogo con l’Autorita’ di Sistema Portuale, i proprietari del Terminal, i Comuni di Bergeggi e Vado Ligure.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.