IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga e rilancio delle attiità economiche: la minoranza convoca un consiglio comunale straordinario

L'ordina del giorno è stato sottoscritto dai consiglieri Ciangherotti, Calleri, Porro, Tomatis e Minucci

Albenga. Con una richiesta formale sottoscritta dai consiglieri di minoranza Eraldo Ciangherotti, Gerolamo Calleri, Cristina Porro, Roberto Tomatis e Riccardo Minucci, i gruppi consiliari di opposizione di Albenga hanno richiesto la convocazione di un consiglio comunale straordinario per parlare delle misure di sostegno per il rilancio delle attività economiche del centro storico ingauno.

Si legge nel documento: “Premesso che l’amministrazione Cangiano, nel 2017 , aveva stabilito di inibire la costruzione di dehors nel Centro Storico di Albenga; preso atto che i gruppi di Forza Italia e Lega Nord avevano a suo tempo duramente criticato questa scelta per il danno agli imprenditori del Centro Storico che avrebbero dovuto essere incentivati ad investire, con sgravi fiscali e minor burocrazia e preso atto che l’impatto negativo di tale normativa è tanto maggiore oggi a causa dell’emergenza epidemiologica Covid- 19 che , come noto, è destinata ad incidere gravemente sugli operatori economici dell’intero territorio nazionale ed in modo particolare sulle imprese del settore della somministrazione di alimenti e bevande”.

Continuano i consiglieri di minoranza: “Rilevato che le misure sanitarie sul distanziamento all’interso dei bar e dei ristoranti  renderanno  sicuramente difficile, se non impossibile , la riapertura dei bar e ristoranti nel Centro Storico, per cui si impone la necessità di adottare misure di sostegno per il rilancio di pub, ristoranti, bar e attività food del Centro Storico; preso atto che la preannunciata   concessione di maggiori  spazi pubblici aperti potrà  forse agevolare la ripresa ma limitatamente al  periodo estivo mentre si rileverà   insufficiente nel periodo invernale , quando le avversità climatiche renderanno impossibile la fruizione degli arredi esterni; considerato che   gli operatori del Centro Storico debbano essere messi in condizione di lavorare adeguatamente anche  nei mesi freddi, con strutture chiuse o semi chiuse, accessibili ai soggetti diversamente abili, nel rispetto delle misure sanitarie  anti Covid- 19 sul distanziamento”.

“Ribadito  che i   dehors possono rappresentare un’opportunità di arricchimento architettonico  del nostro Centro Storico, un elemento di arredo di pregio , magari con caratteristiche architettoniche ricercate ed originali, costruiti con materiali naturali e  di elevata qualità  tramite uno studio in collaborazione con il Dipartimento di Architettura e Desin DAD , affinché proponga un modello costruttivo “personalizzato” al nostro bel Centro Storico, che   lo valorizzi e  lo renda ancor più originale ed attrattivo – continuano -. Ritenuto  di formulare un atto di indirizzo urgente finalizzato alla modifica  vigente Regolamento Comunale Edilizio ( approvato con deliberazione di C.C. n. 79 del 13.11.2017) intesa a consentire , quale misura straordinaria  di sostegno per il rilancio delle attività economiche del Centro Storico nel settore della somministrazione , le costruzione di dehors nel Centro Storico chiusi o semi chiusi, secondo tipologie costruttive  definite a seguito di uno studio progettuale del DAD  che dia pregio e valorizzi tali elementi di arredo urbano in maniera originale e personalizzata per il nostro Centro Storico”.

I consiglieri di opposizione, infine, chiedono “di formulare un atto di indirizzo urgente al Sindaco ed alla Giunta  finalizzato alla modifica del  vigente Regolamento Comunale Edilizio ( approvato con deliberazione di C.C. n. 79 del 13.11.2017) intesa a consentire,    quale misura straordinaria  di sostegno  in emergenza Covid- 19 per il rilancio delle attività economiche del Centro Storico nel settore della somministrazione- , la costruzione di dehors  chiusi o semi chiusi nel Centro Storico, secondo tipologie costruttive  definite a seguito di uno studio progettuale del DAD  che dia pregio e valorizzi tali elementi di arredo urbano”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.