IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Test Coronavirus e donazioni di sangue, Avis: “Non sappiamo ancora se potremo dare i risultati ai donatori”

"I test sui campioni dei donatori di sangue non sono ancora partiti"

Regione. Molti Donatori nei giorni scorsi hanno scritto e chiamato le sedi dell’AVIS per ricevere maggiori informazioni in merito ai test sierologici Covid-19 sui donatori di sangue della Liguria.

“Purtroppo al momento non abbiamo informazioni complete – afferma il presidente di Avis Liguria Alessandro Casale – cercherò di fare quanto più chiarezza sulla base dei dati attualmente in nostro possesso. Il progetto di cui si è sentito parlare è uno studio epidemiologico per la ricerca di sieroprevalenza sulla popolazione, ossia ricerca della presenza di anticorpi specifici legati all’infezione Covid-19. Stimando statisticamente sulla popolazione ligure la presenza di tali anticorpi si potrà studiare meglio la diffusione del virus e valutare anche la percentuale di popolazione che nelle attività quotidiane è entrata in contatto con l’infezione ed il cui sistema immunitario ha quindi sviluppato in risposta specifici anticorpi (rimane comunque ancora da capire il periodo per il quale in presenza degli anticorpi Covid-19 si abbia l’immunità dal virus)”.

“La Regione Liguria – spiega Casale – ha ritenuto che per questo progetto potessero essere fondamentali test sui donatori di sangue, non perché vi siano correlazioni tra rischio di infezione a Covid-19 e l’attività donazionale, che anzi viene confermata, come da note del Centro Nazionale Sangue, pratica sicura. I Donatori di sangue ben si prestano ad indagini di questo tipo poiché sono un campione ben rappresentativo di una popolazione sana. Per questioni legate alla sicurezza trasfusionale, in occasione di ogni donazione di sangue e plasma, campioni di sangue vengono congelati e conservati per eventuali futuri nuovi test, qualora ve ne fosse la necessità. Da qui la possibilità di effettuare uno screening retrodatato e poter avere evidenza anche della situazione epidemiologica nei mesi precedenti”.

“Al momento, pur valutato positivamente il progetto dal Comitato Etico, i test sui campioni dei donatori di sangue non sono ancora partiti. Come AVIS Associazione Volontari Italiani Sangue, i cui 21.000 Donatori assicurano oltre il 40% del fabbisogno di sangue dei malati della nostra regione, siamo gratificati che il gesto dei Donatori, oltre a salvare vite umane, possa ulteriormente contribuire con studi di interesse vitale per la comunità – continua -. E’ però fondamentale approfondire la questione, non lasciandosi ammaliare da facili proclami, e prima di cominciare è imprescindibile sciogliere alcuni nodi, chiarendo diversi aspetti che ci risultano ancora sconosciuti. AVIS Liguria già la scorsa settimana ha chiesto al presidente della Regione Toti, all’assessore alla Sanità Viale e ad A.li.Sa. delucidazioni in merito e siamo in attesa di riscontro”.

“In occasione di un confronto preliminare con il Centro Regionale Sangue della Liguria, la “parte tecnica”, AVIS ha chiesto preventivamente di poter discutere e visionare in maniera dettagliata il progetto, in maniera che, dopo averne condiviso i punti, si possa procedere con un’informativa adeguata nei confronti dei Donatori, anche conformemente al trattamento di dati sanitari e campioni biologici. Altro punto di attenzione evidenziato è la validità dell’esito del test sierologico che verrà eseguito – continua Casale -. In questo momento infatti sembra non vi siano test sierologici certificati per la rilevazione degli anticorpi Covid-19. In particolare, secondo quanto riportato dal Ministero della Salute, i test sierologici rapidi per il SARS CoV 2 al momento disponibili avrebbero una certa percentuale di falsi positivi (“cross-positività” dovuta ad una reazione da parte di anticorpi di virus influenzali estranei al Covid-19). Nel nostro caso specifico quindi si dovrà avere conferma circa il grado di attendibilità dei test sierologici in dotazione per questo progetto, e alla luce di queste considerazioni, capire se gli esiti dei test potranno essere utilizzati solo per l’indagine epidemiologica, ma non potranno essere ritenuti validi per poter fornire un feed-back attendibile al Donatore o se diversamente, garantendo un risultato affidabile, sarà possibile fornire anche un riscontro al Donatore”.

“Ad ogni modo le normali procedure legate ai prelievi di provette di sangue che normalmente vengono eseguite per i test di routine non dovrebbero cambiare, poiché, secondo quanto comunicato, non saranno necessarie provette aggiuntive per l’eventuale test sierologico. In conclusione, la donazione di sangue è un gesto prezioso che permette di salvare vite umane, nei prossimi giorni, i Donatori di sangue, se i presupposti lo consentiranno, avranno la possibilità di contribuire anche ad una importante azione di ricerca – conclude il presidente regionale – AVIS ritiene che il Donatore di sangue, parte attiva del Sistema Sanitario Nazionale, attore fondamentale di questo virtuoso percorso del sangue che letteralmente ridona la vita ai malati, debba essere non solo ulteriormente ringraziato, ma adeguatamente e correttamente informato”.

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULL’EMERGENZA

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.