IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, va a prenderla al lavoro ma la Polizia li ferma: infermiera e consorte sanzionati

“Per 1500 euro dovrei anche prendermi il rischio di usare il treno?”

Savona. Lei infermiera, lui operatore socio sanitario. Entrambi savonesi impiegati all’interno di una casa di riposo di Cogoleto. Lei non ha la patente e così lui, anche per evitarle il “più rischioso” spostamento in treno, la va a prendere con l’auto.

Sulla strada del ritorno verso casa, all’altezza del casello autostradale di Savona, una volante della Polizia di Stato li ferma e per i due coniugi scatta subito la sanzione per violazione delle disposizioni governative volte a contenere il contagio del virus.

È questa, in estrema sintesi, la brutta avventura capitata sabato sera a due cittadini savonesi. Sul verbale redatto dagli agenti in servizio, in particolare, si legge che “il veicolo effettuava un trasferimento extracomunale nonostante non fosse in possesso di motivazione di assicurata urgenza e, nella fattispecie, si allontanava dal domicilio per accompagnare la moglie dal lavoro a casa”.

L’infermiera, dispiaciuta e amareggiata, commenta così l’episodio: “Forse abbiamo torto noi, ma la frustrazione di questa situazione è terribile – racconta la donna -. Io vado a lavorare per 1500 euro al mese e nel mio posto di lavoro la situazione è anche abbastanza complicata”.

Da un lato il dovere delle Forze dell’Ordine di far rispettare le regole, dall’altro lato un operatore sanitario impegnato in prima linea nella lotta al coronavirus. Non una necessità impellente di andare a “prendere la tintarella” in riva al mare. Non una gita fuori porta per evadere un po’ dalle quattro mura di casa. Lei, infermiera di una casa di riposo, stava tornando a casa dopo aver fatto il suo dovere e forse proprio per questo si domanda: “Dobbiamo davvero correre un nuovo rischio anche quando ci spostiamo per andare a lavorare?”.

Anche il marito, in questo momento a casa dal lavoro, esprime il suo dispiacere per quanto avvenuto: “Non pensavo di incorrere in una sanzione – spiega l’uomo – ma andare a prendere mia moglie, evitando di farle prendere un doppio mezzo pubblico, mi sembrava il modo più sicuro per farla tornare a casa”.

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULL’EMERGENZA

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da angelof

    E’ semplicemente vergognoso quanto accaduto! c’è una continua richiesta di infermieri e personale sociosanitario per gestire questa situazione, e non viene considerato caso di necessità lo spostamento da casa al lavoro e ritorno di questo personale ancorchè accompagnato in macchina dal marito se impossibilitati a guidare. In questo periodo i mezzi pubblici dovrebbero essere fermi in quanto mettono in uno spazio ristretto e chiuso per lungo tempo, persone che potrebbero essere infette senza un minimo di controllo. Credo che le forze dell’ordine ed il prefetto in questo caso, dovrebbero applicare la legge con un minimo di buonsenso e un’applicazione mirata veramente a contenere la pandemia e non a fare cassa alle spese di chi ci aiuta!

    1. Scritto da Luca Durante

      Quelli che hai nominato, il buonsenso non sanno cosa sia.
      Applicazione alla lettera, così sfuggi al dover pensare è il loro motto. Non parlo di tutti, ma di quelli implicati.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.