IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanità, Ciangherotti (FI): “Meno decisioni a tavolino e più voce al territorio e ai medici”

Perplessità per la chiusura prima dell'ospedale di Cairo e poi il trasferimento di ostetricia e del punto nascite dal Santa Corona di Pietra Ligure al San Paolo di Savona

Albenga. “Nel pieno di un’emergenza sanitaria di portata epocale, sono rimasto interdetto da alcune scelte a livello sanitario che riguardano la provincia savonese: la chiusura prima dell’ospedale di Cairo e poi il trasferimento di ostetricia e del punto nascite dal Santa Corona di Pietra Ligure al San Paolo di Savona sono due decisioni prese a tavolino che non tengono conto delle esigenze del territorio”. Non usa giri di parole il consigliere provinciale di Savona e capogruppo di Forza Italia in Comune ad Albenga, Eraldo Ciangherotti, per commentare le scelte prese da Alisa per la Asl2.

“Credo che il nostro governatore Toti e l’assessore Viale abbiano fatto bene tutte le volte che hanno messo al centro il territorio, anteponendo le esigenze dei Comuni, soprattutto quelli più piccoli, alle logiche accentratrici – ha sottolineato Ciangherotti – Oggi siamo in un momento storico e sanitario molto complicato e quello di cui avremmo bisogno è proprio dare voce e servizi ai territori, ascoltando i cittadini e i professionisti della Sanità che qui operano e che conoscono la realtà meglio di chiunque altro”.

“Dopo la chiusura dell’ospedale di Cairo Montenotte a marzo, in questi giorni la principale preoccupazione nel savonese è la firma del piano di trasferimento di ostetricia e del punto nascite dal Santa Corona di Pietra Ligure al San Paolo di Savona Nonostante il direttore Brunetto abbia escluso al momento l’ipotesi di un trasferimento definitivo, è evidente che tra i professionisti e i cittadini del territorio ci sia grande preoccupazione – ha spiegato Ciangherotti – In questo delicato periodo abbiamo bisogno di più servizi, più ascolto delle esigenze del territorio e meno scelte prese a tavolino”.

“Da rappresentante delle istituzioni locali e da medico – ha concluso Ciangherotti – metto a disposizione tutta la mia professionalità per dare ai nostri concittadini e ai nostri professionisti sanitari tutte le risposte di cui hanno bisogno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.