IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra Ligure in lutto piange la scomparsa dello storico imprenditore Nicolò “Ino” Orso

Mise “la firma” su diversi padiglioni di Santa Corona e con il fratello costruirono numerosi alberghi a Pietra

Pietra Ligure. La comunità di Pietra Ligure, in lutto, piange la scomparsa di Nicolò “Ino” Orso, deceduto all’età di 94 anni. Imprenditore edile, sportivo, appassionato di caccia, conosciuto e stimato nella sua città natale,  dove sino al ricovero per problemi di salute a 90 anni, ha proseguito nel gestire quanto creato dal padre Pippo, e sviluppato con il fratello Piero sul territorio del ponente ligure. 

Ha lasciato i nipoti Anna Maria con Gino, Josella con Mauro, Paola con Leopoldo e Luca con Alessandra, e i pronipoti Mattia, Tommaso, Martina, Vittorio. I famigliari, hanno voluto ringraziare “il personale della Clinica ‘Il Sestante’ di Borghetto S. Spirito per l’affettuosa assistenza e tutti coloro che gli sono stati vicino, in particolare l’amico Guido”. 

Di seguito, pubblichiamo la toccante lettera-ricordo di Mauro Zunino, presidente onorario dell’Aeroclub Savona. I fratelli Orso ebbero, sin da giovani, rapporti con i colleghi impresari proprio della famiglia Zunino di Albenga, sfociati poi con l’unione dell’amata nipote di Orso, Josella, con Mauro Zunino. 

“Mercoledi 15 aprile, – si legge nella missiva, – è avvenuto il decesso di una figura conosciuta, un’amico di molti, uno sportivo, un imprenditore di successo. Dopo un sereno percorso, il cuore ha fatto mancare alla stima dei conoscenti, all’affetto degli amici ed all’amore dei suoi cari Nicolò ‘IIno’ Orso all’età di 94 anni”. 

“La maggior parte dei padiglioni di Santa Corona portano la loro firma come impresari, un viale del centro ospedaliero è dedicato al loro lavoro. Un’importante falegnameria, la sua grande passione. Ino amava la sua terrra. Gli ultimi decenni lo hanno visto impegnato nel recupero di una fascia pié d’Alpi dove fece impiantare ulivi, viti, ortaggi nella grande tenuta che seguiva con passione e competenza.  La perdita della consorte Rosetta, un lustro addietro, gli aveva fatto mancare quel ‘respiro’ in più che allietava le sue giornate sempre colme di iniziative”.

“Il suo hobby, oltre allo sci, la caccia ed al calcio che aveva giocato professionalmente in varie categorie da giovane, era gestire una bellissima spiaggia a Pietra Ligure, la falegnameria, la proprietà agricola, e, successivamente, intrattenersi coi suoi concittadini durante le sua ‘fughe’ su una piccola auto elettrica da quando i 90 anni, l’avevano limitato ai confini del territorio pietrese”. 

“Provo’ sincero dispiacere negli anni 80 dall’aver perso i lavori di Santa Corona, ove si era preferito l’avvento di ditte del sud Italia più competitive economicamente ma certamente non qualitativamente, ‘aziende’ alcune poi sparite nel nulla senza completare i lavori. Con loro oltre centoventi dipendenti nei periodi più intensi, una qualità del lavoro da perfezionisti”.

“Molto conosciuto tra i colleghi imprenditori liguri, le sue capacità erano le trattative, i rapporti, i collegamenti che, uniti alle capacità del fratello Piero, completavano un binomio operativo considerevole”. 

“Insieme costruirono i più grandi alberghi di Pietra Ligure: il Royal, Jolly Roger, Stella Maris, un bellissimo edificio in riva al mare di Pietra, complessi ecclesiastici come Villa Costantina, Paoline di Rosa, immobili progettati da firme di prestigio come l’arch. Gambacciani. Altra soddisfazione la laurea in architettura a Milano della nipote Anna Maria, la maggiore delle sue nipoti figlie del fratello Piero”.

 “Ino ha raggiunto la sua amata consorte Rosetta e riposeranno, dopo un’intensa vita insieme, nella cappella di famiglia in Pietra Ligure. Una lapide scolpita a memoria della menzione desiderata: ho vissuto come ho voluto”, ha concluso Zunino nella sua lettera. 

Al cordoglio si unisce il sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi: Addio a Nicolò “Ino” Orso, noto imprenditore edile, appartenente ad una storica famiglia pietrese cui
si deve parte dello sviluppo edilizio della nostra cittadina negli anni del dopoguerra. Insieme al fratello Piero consolidò e sviluppò l’impresa edile “Orso Pippo”, creata dal padre, costruendo, tra le altre cose, diversi padiglioni dell’ospedale Santa Corona e i più importanti alberghi di Pietra Ligure” ricorda il primo cittadino pietrese.

“Testimone e parte della storia imprenditoriale della nostra comunità, mi legava a lui amicizia e stima e lo ricordo con grande affetto”.

“Alla famiglia, le condoglianze mie personali e di tutta l’Amministrazione comunale” conclude il sindaco De Vincenzi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.