IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ordinanza mascherine a Savona, il sindaco Caprioglio: “L’obbligo riguarda semplici dispositivi di autoprotezione personale”

"Non si intende tipologie di mascherine chirurgiche, ma almeno garantire la salute pubblica"

Savona. Dopo le polemiche sollevate da Rete per l’Abuso e dal gruppo consiliare del Pd sull’ordinanza che obbliga all’uso di mascherine, non si è fatta attendere la replica del sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, che ha chiarito il provvedimento e parlato della situazione legata all’emergenza coronavirus.

“Preliminarmente occorre ricordare l’attuale grave stato emergenziale che sta vivendo il nostro Paese e, quindi, anche i nostri concittadini savonesi; condizione questa che ha visto costretta la Presidenza del Consiglio dei Ministri ad intraprendere misure restrittive delle più ampie libertà fondamentali, con un impatto sulla vita economica e sociale delle persone le cui ripercussioni negative, purtroppo, spiegheranno i loro effetti anche al termine di suddetta emergenza”.

“In tal senso, nell’attuale contesto di emergenza va sicuramente accordata la prevalenza alle misure approntate alla tutela della saluta pubblica, alle quali i sindaci non possono di certo sottrarsi, peraltro, a fronte di una limitata compressione della situazione azionata con l’ordinanza in parola, rispetto alle attuali misure di cui ai Decreti Presidenziali e Ministeriali che si sono susseguiti dai primi di marzo ad oggi”.

“Le misure adottate sulla “mascherina protettiva” sono il frutto di un’analisi territoriale attenta, che vede la riduzione non solo di un esteso tessuto commerciale caratterizzato da esercizi commerciali con spazi ridotti, o per converso caratterizzati da enormi spazi, bensì, la riduzione di uffici, che rendono servizi essenziali ai cittadini, ivi compresi i loro orari di funzionamento; sicché non sono sfuggite ai più, le code all’esterno degli uffici postali, dei negozi di vicinato; code di persone in sommesso ed ordinato silenzio e pressoché tutte già munite di una qualsivoglia mascherina protettiva”.

“Code formate da persone attente alla loro personale salute ma anche a quella degli altri. Ognuno di noi deve dare il proprio personale contributo, e in detta circostanza le autorità cittadine sono chiamate a far sì che il responsabile contributo non sia un’iniziativa dei più ma sia il frutto di un’azione consapevolmente comune a tutti, anche se ciò può comportare un ulteriore sacrificio che, nel caso di specie, nel contesto generale appare oltremodo ridotto”.

“Infine si osserva come: l’utilizzo delle mascherine sia una raccomandazione dei vari Ministeri, in primis quello del Ministero della Sanità, adottata da tempo e da ultimo rinnovata con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri il 10 aprile; quasi la metà della cittadinanza sia stata ormai raggiunta da una prima, ancorché non esaustiva ma comunque importante, fornitura di mascherine da parte della Protezione Civile della Regione Liguria; il termine “mascherine protettive” è stato adottato atecnicamente senza alcun riferimento a tipologie di mascherine chirurgiche, od altro, proprio per lasciar spazio a molteplici presidi di autoprotezione personale per ridurre il contagio (ad esempio mascherine in tessuto autoprodotte o foulard posizionati su naso e bocca)” conclude il sindaco savonese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.