Unione d'intenti

Locale senza assicurazione devastato da incendio: a Vado gara di solidarietà per aiutare “Mido”

Tutti i commercianti stanno cercando di dare una mano al ragazzo italo-egiziano: partita raccolta fondi

Pizzeria Mido Vado Ligure incendio

Vado Ligure. Il suo locale è stato devastato dalle fiamme di un incendio, scoppiato la notte scorsa, e le cui cause sono ancora in via di accertamento. Quel che è certo è che per il titolare si è trattato di un durissimo colpo, non essendo nemmeno assicurato contro questo genere di situazioni.

È la storia di un ragazzo italo-egiziano, da tutti conosciuto come “Mido”, proprietario di una piccola pizzeria da asporto situata sulla via Aurelia, a Vado Ligure, il Monsieur Mido 14.

“È venuto in Italia da piccolo, con suo papà che faceva lo chef, è una brava persona, un lavoratore, un padre di famiglia e, purtroppo, non è assicurato”, ci ha raccontato un negoziante suo vicino che lo conosce bene.

“L’ho incontrato ieri, – ha proseguito. – Un metro e novanta di uomo che ha appena perso tutto. Gli ho chiesto il suo IBAN. Volevo fargli un bonifico, per quel che posso. E sapete come ha reagito? Me l’ha negato. E ha pianto. Non voleva”.

“Io il suo Iban l’ho avuto comunque: me lo ha dato un ristoratore dove lui aveva lavorato, e lo scrivo qui di seguito. Il punto è che quest’uomo ha bisogno di aiuto per rialzarsi. E io lo chiedo a voi: per quel che potete, anche poco, pochissimo: 10 o 20 euro non cambieranno la vostra vita, ma quella di Mido sì. Grazie”.

Un appello che non è rimasto inascoltato e ha già ricevuto l’appoggio di numerosissimi commercianti di Vado Ligure, che hanno deciso di sposare la causa di “Mido”. Di seguito l’Iban per eseguire la donazione: IT04P0306910600100000066691 intestato a El Shorbagy Ihab Ahmed Hassan.

leggi anche
mido vado
Solidarietà
Già 1200 euro per Mido, un mese dopo l’incendio che ha devastato la sua pizzeria a Vado Ligure

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.