IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“I nuovi eroi del 2020”: 12enne di Celle Ligure realizza cortometraggio dedicato al papà foto

L'uomo lavora in ospedale, la figlia ha realizzato un "corto" con i Lego e la tecnica dello stop motion

Più informazioni su

Celle Ligure. Si chiama Martina G., ha solo 12 anni e ha realizzato un cortometraggio animato con la tecnica dello “stop motion” dedicato al suo eroe: suo padre, impegnato in prima linea nella lotta all’emergenza Coronavirus.

Generica

La ragazzina frequenta la sede di Celle Ligure dell’Istituto comprensivo Varazze-Celle e segue i laboratori di alfabetizzazione all’immagine dell’associazione Kinoglaz, inseriti all’interno dell’attività didattica. Per realizzare il suo cortometraggio ha utilizzato dei personaggi Lego a cui ha “dato vita” con la tecnica della stop motion, imparata in prima: si tratta di scattare, con la fotocamera rigorosamente ferma, 24 fotografie per ogni secondo di animazione, muovendo ogni volta lievemente i soggetti, in modo da dare l’illusione del movimento

Con questa tecnica la 12enne ha realizzato una sua piccola storia per stare vicino al suo papà, che in questi giorni è sempre in ospedale. “Il mio papà è uno degli eroi di quest’emergenza” afferma e con molto impegno, scrivendo prima la storia, poi costruendo con i Lego i personaggi e la scenografia, ha voluto stargli vicino realizzando il cortometraggio visibile qui sotto.

“In questo periodo, più che in passato, i ragazzi hanno bisogno di una didattica che gli dimostri che studiare può essere anche divertente – commenta Giovanna Barreca, responsabile organizzativa dell’Associazione Culturale Kinoglaz – che per apprendere servono curiosità, interesse, empatia e che non apprendono per quel numerino scritto sul registro o per essere delle enciclopedie parlanti ma per loro, per saper affrontare anche momenti difficili”.

“Scrivere un racconto, inventarsi una storia per poi costruire i personaggi e farli muovere in stop motion è un modo più divertente (ed è ugualmente formativo) che doverlo fare seguendo la traccia di un tema. Inoltre in questo momento la tecnica della stop motion può essere un modo per evadere e per stare in casa con tutto il resto della famiglia perché anche genitori profondamente spaventati all’idea di perdere il lavoro, commercianti preoccupati perché non sanno come pagare l’affitto del loro locale, possano distrarsi costruendo con i figli, lasciando che la testa resti concentrata su altro per almeno qualche ora” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.