Germani reali bloccati senza cibo sul tetto di un palazzo: recuperati dai volontari - IVG.it
In aiuto

Germani reali bloccati senza cibo sul tetto di un palazzo: recuperati dai volontari

I piccoli mangiano da soli ma hanno necessità di essere cresciuti con particolari accorgimenti

fauna selvatica

Savona. “L’emergenza covid-19 non ferma l’attività dei volontari della Protezione Animali in aiuto di animali in difficoltà, anche se la complica ed appesantisce ulteriormente”. A comunicarlo sono i volontari savonesi dell’Ente Nazionale per la Protezione degli Animali (Enpa).

“Una nidiata di piccolissimi germani reali – raccontano i volontari – è stata recuperato su un terrazzo di un alto edificio alla foce del torrente Letimbro a Savona; la madre aveva scelto questo luogo per covare le uova ma, appena schiuse, non ha potuto riportarli nel torrente alla ricerca del cibo necessario. Un fenomeno sempre più frequente tra le colonie di germani reali che vivono in città; mentre infatti in natura vige l’equilibrio tra i sessi, con un maschio e due femmine, negli ambienti cittadini si arriva rapidamente a quattro maschi per ogni femmina e quest’ultima, continuamente ‘molestata’, cerca di rifugiarsi per nidificare in zone appartate (balconi, tetti piani, etc.)”.

fauna selvatica

“I piccoli mangiano da soli ma hanno necessità di essere cresciuti con particolari accorgimenti, quali ad esempio la custodia in ambienti caldi, che i volontari dell’Enpa conoscono bene ed applicano con successo, riuscendo ad allevare tutti i piccoli. Superano ormai il centinaio all’anno, soprattutto in Riviera, i germanini recuperati, allevati ed infine liberati in ambienti idonei ad autosufficienza raggiunta” concludono i volontari.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.