IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, Cgil a Toti e Viale: “Cura delle persone, soldi e protezione per i lavoratori della sanità”

"Serve maggior organizzazione ed efficacia degli interventi contro il Covid 19"

Liguria. Si è svolto stamane l’incontro fra Regione Liguria e Cgil, Cisl e Uil e le rispettive categorie della sanità. La Cgil esprime “molta preoccupazione per la gestione dell’emergenza nella nostra regione dove i numeri aggiornati non sono ancora tranquillizzanti”.

Nicola Dho e Fulvia Veirana, rispettivamente segretario generale Fp Cgil Liguria e segretaria regionale Cgil, presenti alla riunione affermano: “La crisi è stata ed è affrontata quotidianamente dai professionisti sanitari che hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo: medici, infermieri, operatori socio sanitari in prima linea molto spesso senza i dispositivi di protezione individuale. Devono essere ricambiati subito per lo straordinario impegno con più soldi in busta paga per riconoscere degnamente lo sforzo fatto fin dall’inizio dell’emergenza. Nel frattempo va garantita la loro salute con dispositivi di protezione idonei e attraverso un programma di test e tamponi su tutto il personale a rischio contagio”.

“Ma se si vuole allentare la pressione sulle loro spalle, è fondamentale procedere ad una campagna di test allargata a tutte le strutture sanitarie, socio sanitarie e socio assistenziali pubbliche e private, a tutte le categorie professionali esposte al contatto con il pubblico ed alla cittadinanza a rischio per mappare il contagio e cercare di circoscriverlo. Va posta particolare attenzione agli ospiti ed al personale delle RSA e delle case di riposo dove risiedono persone particolarmente fragili e vulnerabili alla malattia”.

“Abbiamo chiesto con forza anche di potenziare la rete di continuità assistenziale per curare le persone a casa loro – continuano i sindacalisti – e per farlo bisogna aumentare esponenzialmente le assunzioni, vista la spaventosa carenza d’organico in tutto il sistema sanitario regionale, aggravata dal diffondersi della malattia fra il personale sanitario. E’ importante che vengano individuati presidi ospedalieri non Covid per garantire ai pazienti con altre patologie di continuare le cure il più possibile al riparo dal virus. Stamane Toti e Viale si sono impegnati a darci tutte le risposte, auspichiamo che al più presto arrivino fatti concreti” concludono Dho e Veirana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.