IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consiglio comunale ad Albenga, la Lega attacca: “Serve aiuto concreto alle partite Iva, basta proclami”

"È Il periodo più brutto dalla fine del secondo conflitto mondiale"

Più informazioni su

Albenga. “Il periodo più brutto dalla fine del secondo conflitto mondiale che un intero tessuto sociale sta affrontando. Passiamo una vita a vedere, a prevedere, ma soprattutto a pianificare il futuro che  è la dimora delle nostre paure più profonde ma anche delle nostre speranze e se alla fine si rivela per ciò che abbiamo pensato sarà soltanto perché siamo stati lungimiranti. È questo l’intento che i consiglieri di opposizione, Porro e Calleri, chiedono a gran voce a chi ricopre un ruolo istituzionale, costoro hanno il dovere di affrontare responsabilmente l’emergenza COVID-19”. A parlare, in una nota, è la segreteria della Lega Albenga.

“Un’emergenza prettamente sanitaria – continuano i leghisti –  che vede l’impegno quotidiano e costante di medici, infermieri, oss, etc,i quali ad oggi dal Governo hanno ricevuto  una pacca sulla spalla come ringraziamento, ma una emergenza altresì sociale ed economica che vedrà aziende e privati uscirne gravemente danneggiati. Ed è per questo che oggi durante il consiglio comunale ingauno abbiamo chiesto un concreto aiuto alle nostre partite Iva, attraverso una riduzione della pressione fiscale che potrebbe nell’immediato dare una boccata d’ossigeno, perché purtroppo ad oggi l’unica proposta concreta di questa amministrazione è stata posticipare le scadenze, che tradotto vorrebbe dire posticipare il problema”.

“Abbiamo chiesto al comune, in attesa che il governo smetta di sbandierare proclami e finalmente adotti provvedimenti concreti e seri in aiuto al tessuto economico, di mettere in atto tutte quelle azioni preposte  a sostenere la nostra economia locale; ma la risposta è stata un secco no. Loro, con le loro belle indennità, continuano a vivere nell’attesa e nella speranza che questo governo fornisca quei sostegni normativi e finanziari che dopo ben 80 giorni dalla dichiarazione di stato di emergenza non sono ancora arrivati. Speriamo allora che le nostre aziende abbiano anch’esse la forza di attendere!” concludono.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.