IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bergeggi in lutto per la scomparsa dell’architetto Mario Galvagni foto

A metà anni '50 tracciò le linee di sviluppo per l'urbanizzazione ex novo del promontorio di Torre del Mare

Bergeggi. Il sindaco Roberto Arboscello e l’amministrazione comunale di Bergeggi piangono la scomparsa dell’architetto Mario Galvagni.

“Era la metà degli anni ’50 quando il giovane architetto Galvagni, su incarico dell’impresario Piero Tizzoni, tracciò le linee di sviluppo per l’urbanizzazione ex novo del promontorio di Torre del Mare – ricordano dal municipio – Iniziò così la realizzazione di una serie di edifici e di arredi urbani, un insieme di opere architettoniche di riconosciuto valore artistico, in grado, ancora oggi, di caratterizzare un’area urbanizzata elevandone il prestigio”.

“L’istituzione del Parco Architettonico da parte della giunta comunale, di cui quegli edifici diventarono i protagonisti, avvenne nel 2012 ed è voluta essere una celebrazione di queste opere, testimonianza di come un’architettura di alta qualità e pregio, fortemente ispirata al luogo, sia in grado di sviluppare, con linguaggio contemporaneo ed una giusta sensibilità creativa, tessuti urbanizzati compenetrati all’elevato valore ambientale e naturalistico del luogo. Come ha avuto infatti modo di evidenziare lo stesso Galvagni in seguito, le sue opere sono ‘nate in simbiosi con le morfologie estetiche del luogo, della luce e del suolo e con le emozioni e i sentimenti condivisi con la committenza e con gli operai che le hanno costruite’”.

Aggiunge il sindaco: “Oggi perdiamo un amico e un grande professionista. Mancherai a tutta Bergeggi, Mario, mancherai all’ amministrazione comunale attuale e a quelle precedenti, con cui hai sempre desiderato collaborare per dare un continuo contributo al paese che sentivi anche un po’ tuo. Ci mancheranno le tue ‘lezioni’ ma ci hai lasciato un patrimonio che proveremo a valorizzare quanto merita. Buon viaggio architetto”.

“Lo ricordo con grande stima, affetto e amicizia – fa sapere il presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Savona, Giacomo Airaldi – avendolo conosciuto personalmente in tante occasioni di dialogo e iniziative culturali sul nostro territorio. Nato nel 1928 fu architetto, pittore, fisico. Un personaggio di grande spessore e cultura autore di molte stupende architetture anche in Liguria ed in particolare a Torre del Mare. Ai familiari da parte mia e di tutto il consiglio dell’Ordine Savonese vanno le nostre più sentite condoglianze. Le sue parole e le sue architetture rimarranno e dovranno essere ancora visitate, studiate, approfondite lasciando una grande eredità culturale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.