IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Liguria del Gusto

Ametista in cantina: la pietra magica degli alchimisti per cambiare le “vibrazioni” degli atomi del vino

"Liguria del gusto e quant'altro" è la rubrica gastronomica di IVG, ogni lunedì e venerdì

Più informazioni su

Un’ametista, una pietra considerata magica dagli alchimisti (in effetti è un quarzo, ma colorato in viola che gli da un aspetto elegante e sensuale), che ora viene utilizzata in enologia. Una enologia naturale, biodinamica e completamente naturale, senza (al momento) nessuna evidenza scientifica, ma certo affascinante.

Ad Albenga il passaggio del vino (rigorosamente rosso) in ametista è utilizzato da Giovanni Gentile, appassionato di vino, produttore di Rossese ad uso familiare. “E’ una tecnica che ho visto usare in una cantina toscana, Luteraia, per un loro vino di punta. Una tecnica che nasce unendo viticoltura, fisica dei quanti e ricerca spirituale ed ha la caratteristica di risvegliare nelle persone l’Indaco addormentato dentro di loro, ovvero la capacità di osservare il mondo attraverso il Sesto Senso, una visione intuitiva oltre i cinque sensi ordinari”.

“Gli atomi che compongono il vino rosso, passando attraverso l’ametista, si muovono vibrando ad una frequenza corrispondente al colore Indaco, mentre gli atomi del vino prodotto in maniera tradizionale hanno una vibrazione corrispondente al colore rosso”, spiega Gentile. Il risultato, al di là delle facili ironie, è interessante, contando anche che il Rossese prodotto da Gentile è, si potrebbe dire, ruspante, senza l’intervento di enologi in cantina.

L’idea del vino passato attraverso l’ametista ha origini antiche. Una leggenda lo fa risalire a Lemuria, ipotetico continente scomparso 36 mila anni fa nell’Oceano Pacifico o, forse, Indiano. Ancora oggi in alcune isole greche si serve un vino fatto travasato nell’ametista, caratterizzato da colorati riflessi indaco.

“Liguria del gusto e quant’altro” è il titolo di questa rubrica curata da noi, Elisa (alla scrittura) e Stefano (alle ricerche), per raccontare i gusti, i sapori, le ricette e i protagonisti della storia enogastronomica della Liguria. Una rubrica come ce ne sono tante, si potrà obiettare. Vero, ma diversa perché cercheremo di proporre non solo personaggi, locali e ricette di moda ma anche le particolarità, le curiosità, quello che, insomma, nutre non solo il corpo ma anche la mente con frammenti di passato, di cultura materiale, di sapori che si tramandano da generazioni. Pillole di gusto per palati ligustici, ogni lunedì e venerdì: clicca qui per leggere tutti gli articoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.