Interrogativi

Coronavirus, un utente: “All’ufficio postale di Cairo sportelli troppo vicini, impossibile rispettare la distanza”

Un utente: "Nonostante la fila ordinata all'esterno, perchè su sette casse funzionano le prime due con poca distanza?"

ufficio postale,

Cairo Montenotte. Anche gli uffici postali tra gli “osservati speciali” in questa emergenza sanitaria che prevede di mantenere almeno un metro di distanza dalle altre persone, nonché l’ingresso contingentato a seconda della superficie di supermercati, negozi o sportelli.

Da Cairo arriva la segnalazione di un utente che sabato mattina, alle 8.30, si è recato alle Poste dove ha notato, all’esterno, la fila ordinata e ben organizzata. Peccato, però, che all’interno dell’ufficio, su sette sportelli disponibili, fossero aperti il numero 1 e 2, non garantendo così lo spazio minimo di un metro consigliato per evitare il propagarsi del virus.

“La domanda sorge spontanea – ci scrive – ci sono problemi di tipo operativo aprendo, magari, uno sportello più distante dal primo per garantire più sicurezza, oppure si tratta di una svista degli addetti ai lavori?”. Ormai la maggior parte delle persone si è sensibilizzata al tema dell’emergenza, e anche chi è costretto ad uscire di casa si pone molti interrogativi per tutelarsi al meglio.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.