IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, tutti i corrieri genovesi si fermano: ritardi in vista per pacchi e consegne

Lavoratori attendono di essere riforniti di guanti e mascherine, che potrebbero arrivare solo martedì o mercoledì. Sindacati chiedono di sospendere consegne non essenziali

Genova. E’ serrata generalizzata per chiedere dispositivi di protezione individuale e rispetto delle condizioni di sicurezza per tutti i corrieri genovesi.

Questa mattina si erano fermati prima i corrieri Gli, seguiti da Tnt. Nel corso della mattina la protesta si è però estesa alla globalità dei driver di Genova comprendendo anche poi Sda, Bartolini e Dhl. Solo le consegne di Amazon al momento sembrano funzionare regolarmente.

“Il lavoro non riprenderà finché non saranno distribuiti i a tutti i corrieri mascherine, guanti monouso e gel igienizzante, visto che per il lavoro che svolgono la distanza di un metro non può essere rispettata” spiega Andrea Ciaccio, Uiltrasporti Liguria.

E secondo quanto appreso non sarà facile reperire in fretta i dispositivi: “Non si trovano – spiega ancora il sindacalista – ci hanno detto che forse potrebbero arrivare martedì o mercoledì e fino a quel momento le consegne non potranno riprendere”.

“Dopo il blocco di molte attività emanato con l’ultimo DPCM sia i corrieri che i rider girano sempre di più per la nostra città, casa per casa per distribuire i beni che cittadini sempre più acquistano online,  hanno aggiunto Francesco Bottiglieri e Mirko Filippi della Fit Cisl Liguria. – Realtà lavorative fatta  di grandi aziende ma anche di piccole realtà, come categoria lavorativa è molto esposta al rischio contagio e in diverse situazioni si è trovata con dispositivi di protezione inadeguati o addirittura in mancanza totale di questi”.

“Se non si blocca il trasporto bisogna però garantire che questi lavoratori lavorino in sicurezza. Lavoratori preoccupati e spaventati non tanto per loro stessi ma per le loro famiglie, vivono quotidianamente la paura di portare in casa e ai propri cari il contagio. Se si vuole continuare con le lavorazioni sicuramente c’è bisogno di più tutele anche con modalità operative diverse come la situazione  d’emergenza impone”, hanno concluso.

La situazione nelle diverse aziende dal punto di vista delle dotazioni è in ordine sparso. Le dotazioni mancano ai driver di Sda e Gls, mentre ai lavoratori di Dhl e Tnt sono state consegnate: “L’azienda si è mossa abbastanza velocemente a differenza di altre – spiega Marco Gallo, Filt Cgil – ma tra i corrieri prevale una paura del contagio assolutamente giustificata. Per questo lunedì i corrieri Tnt riprenderanno a lavorare ma solo per consegnare beni essenziali soprattutto agli ospedali e agli altri servizi pubblici. Le consegne ai privati saranno rinviate”.

Una scelta che potrebbe essere fatta anche dagli altri driver: “E’ una situazione di confusione e paura del contagio proprio nel momento in cui a causa dei negozi chiusi aumentano notevolmente le richieste di beni da parte dei privati – dice ancora Gallo – Ma in questo momento una risma di carta o un materasso riteniamo possano attendere e come sindacato chiediamo che sia completamente fermata la consegna di beni non essenziali, fino a che l’emergenza non terminerà”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.