IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, il Pd di Savona: “Supporto ai centri antiviolenza e massima attenzione alle famiglie con disabili gravi”

I Dem hanno presentato due aggiornamenti alla mozione presentata sulle risposte alle famiglie e alle fasce deboli nel pieno della crisi sanitaria

Savona. In vista del consiglio comunale di domani, il gruppo consiliare del Pd di Savona ha presentato due emendamenti di aggiornamento alla sua mozione presentata alcune settimane fa sulle risposte alle famiglie e alle fasce deboli nel pieno della crisi sanitaria.

“Avevamo da subito chiesto due cose – spiega il capogruppo Elisa Di Padova – La sospensione delle rette degli asili nido che la giunta ha provveduto ad avviare e l’istituzione di un tavolo di monitoraggio e coordinamento tra assessorato ai servizi sociali, le associazioni, gli enti del territorio e le associazioni del commercio al dettaglio e della grande e media distribuzione al fine di mappare, monitorare e provvedere al supporto dei cittadini in condizione di fragilità, anche attraverso la consegna a domicilio di generi alimentari e farmaci o altri generi necessari. Quest’ultima iniziativa risulta ancor più importante oggi dopo i provvedimenti urgenti intrapresi dal Governo e che destinano alla Città di Savona 320 mila euro”.

“Abbiamo quindi depositato altre due proposte: una che invita al supporto e alla valorizzazione dei centri antiviolenza savonesi e di ‘Telefono Donna Savona’ che ha ampliato il servizio di ascolto diretto in questo momento difficilissimo per chi vive situazioni di violenza domestica. Dover restare a casa, infatti, costringe alcune donne a subire ancora di più la violenza da parte dei propri conviventi. I numeri sono molto preoccupanti: il 50%in meno di telefonate al 1522 e il 50%di denunce in meno da donne maltrattate durante questa pandemia”.

“La seconda che chiede l’impegno di Regione Liguria e Alisa nella soluzione del problema che hanno le famiglie con disabili gravi in questo periodo di emergenza in cui l’assistenza domiciliare è stata sospesa, per esempio con una mappatura dei casi indifferibili che hanno bisogno di una immediata soluzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.