IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, i link alle raccolte fondi per ospedali e pubbliche assistenze

La Croce Bianca di Albenga: "Rischiamo di non poter più garantire il servizio"

Più informazioni su

Savona. L’emergenza Coronavirus non sta mettendo a dura prova solo i cittadini, le istituzioni e gli ospedali, ma anche i soccorritori delle pubbliche assistenze. Infatti spesso i militi si trovano a dover affrontare l’emergenza con i Dpi (dispositivi di protezione individuale) che scarseggiano. Su tutti le famigerate mascherine Ffp2 e Ffp3.

Nonostante questo il presidio del territorio non manca e le iniziative a favore delle persone più deboli nemmeno, come il servizio di spesa a casa per gli anziani che le croci di tutta la provincia hanno messo a disposizione. Per fare tutto ciò, però, serve un contributo da parte di tutti. Ecco, dunque, l’idea di lanciare delle raccolte fondi per poter acquistare soprattutto le mascherine. Di seguito elenchiamo tutti i link alle varie raccolte, sperando di rendervi così più facile donare.

OSPEDALI

San Paolo di Savona: la prima, promossa dalla cantante Annalisa Scarrone, si trova a questo link. Ne è stata lanciata anche una in memoria di Gianni Lacirignola, ex dipendente Asl: qui le informazioni.

Santa Corona di Pietra Ligure: la prima, promossa dal sindaco Luigi De Vincenzi insieme a tre giovani pietresi, si raggiunge cliccando qui. Un’altra, lanciata dalla sorella di un medico rianimatore in favore del reparto di rianimazione, si raggiunge cliccando qui. Un’altra ancora è stata lanciata dalla Croce Bianca di Varigotti: eccola.

Santa Maria di Misericordia di Albenga: potete donare a questo indirizzo.

E’ stata attivata, infine, una raccolta fondi per il 118 savonese che ha come obiettivo dotare il personale delle automediche di dispositivi di protezione: si raggiunge cliccando qui.

San Paolo di Savona: raccolta fondi promossa da Fiaip Savona e Fimaa. C/C: IT35H0503449242000000003351 indicando come causale: DONAZIONE ASL 2

PUBBLICHE ASSISTENZE

“Come Pubblica Assistenza siamo impegnati nel fronteggiare l’emergenza Covid-19. Come è noto a tutti i dispositivi di protezione individuale sono più difficili da reperire e il loro costo è lievitato; sono per noi indispensabili per poter operare in piena sicurezza e per garantire la salute dei nostri pazienti”, l’appello della Croce Bianca di Savona. Chiunque voglia sostenerla può farlo cliccando qui.

Anche i soccorsi della Croce Rossa di Savona in ambulanza non si sono mai fermati, così come il servizio dedicato al trasporto dei casi di coronavirus, ma ora i dispositivi di protezione e il materiale sanitario indispensabili per le ambulanze stanno diventando sempre più introvabili e costosi. In occasione, è stata avviata una raccolta fondi ad hoc. Per accedere alla piattaforma, cliccare qui.

Identica raccolta fondi anche da parte della Croce Bianca di Spotorno: “Per fronteggiare questa emergenza, e per poter proseguire al meglio l’attività di volontariato che dal 1967 è vicina agli spotornesi tutti i giorni H24, la pubblica assistenza spotornese ha avviato una campagna donazioni alla quale si può partecipare con un semplice click”. Per sostenere la pubblica assistenza spotornese cliccare qui.

Sulla stessa linea anche la Croce Bianca di Albenga, che rischia di non poter più garantire il servizio: “Siamo la Croce Bianca di Albenga, vista l’emergenza Codiv-19 che stiamo attraversando vi chiediamo un piccolo aiuto per comprare i dispositivi di protezione (maschere, guanti, tute e occhialini) per il personale  e per i pazienti che trasportiamo. Le scorte ormai sono minine e una volta finite non riusciremo più a garantire il servizio. Non vi chiediamo molto ma una piccola mano”. Per sostenere la pubblica assistenza ingauna cliccare qui.

Stessa situazione vissuta anche dalla Croce Bianca di Alassio, che a sua volta ha avviato una raccolta fondi: tutto il ricavato verrà utilizzato nell’acquisto di presidi necessari (mascherine, occhialini, tute, guanti, etc). Insomma, per far sì che il servizio per la cittadinanza possa continuare senza defezioni o interruzioni. Per sostenere la pubblica assistenza alassina cliccare qui

Raccolta fondi per aiutare anche la Croce Bianca di Laigueglia, dalla quale hanno fatto sapere: “L’emergenza nella quale ci troviamo ci porta a sostenere dei costi per proteggere il Nostro personale e chi trasportiamo. Le scorte sono quasi esaurite. Senza il Tuo inestimabile aiuto non possiamo farcela. Basta anche solo un piccolo contributo. Noi ci siamo e non molliamo”. Per sostenere la pubblica assistenza di Laigueglia cliccare qui. 

Si segnala anche l’Associazione Pietra Soccorso: “Siamo la Pubblica Assistenza Pietra Soccorso Onlus, servizio di ambulanze impegnate nell’emergenza Covid-19. Vi chiediamo aiuto con le vostre offerte per l’acquisto di Dispositivi di Protezione Individuale per il personale e per i pazienti, che scarseggiano a fronte di questa emergenza e quei pochi che si trovano hanno costi elevati. Inoltre in base all’obbiettivo raggiunto vorremmo acquistare un macchinario per la sanificazione delle ambulanze, per poter lavorare in massima sicurezza”. Per effettuare una donazione alla pubblica assistenza pietrese cliccare qui.

La Croce Rossa di Loano ha promosso una raccolta fondi per l’acquisto di presidi, attrezzature e dispositivi di protezione individuali (mascherine, guanti, camici, disinfettante, gel mani igienizzante, ecc.) da utilizzare nella gestione dell’emergenza coronavirus. Grazie all’impegno di volontari e dipendenti, attualmente il comitato loanese della Cri sta garantendo lo svolgimento di diverse attività: un servizio di trasporto sanitario “dedicato” al Covid-19 attivo sulle 24 ore; il servizio “Pronto Farmaco” con la consegna a domicilio dei medicinali; il servizio di soccorso sanitario urgente (118) su tutto il territorio di Loano e dei comuni limitrofi; i servizi di trasporto ordinari. Per effettuare una donazione alla Croce Rossa di Loano, cliccare qui.

E così anche la Croce Bianca di Borghetto Santo Spirito: “Ogni giorno i nostri volontari si impegnano per aiutare le persone in difficoltà soccorrendole ed aiutandole nei momenti più duri della vita. Oggi più che in passato, oggi che tutti stiamo vivendo questa emergenza del Covid-19, abbiamo bisogno di aiuto per acquistare i presidi medici che garantiscono la protezione sia per le persone che soccorriamo, sia per noi che per le nostre famiglie quando ritorniamo a casa alla sera. Oggi più che mai, ogni contributo è fondamentale per continuare ad aiutare gli altri facendo ciò che vogliamo e che dobbiamo fare”. E’ possibile sostenere la raccolta fondi cliccando qui.

Raccolta fondi anche per la Croce Verde di Albisola Superiore: “Questa volta chiediamo noi una mano alla comunità per affrontare l’emergenza Coronavirus con i presidi e i materiali sanitari di prevenzione adatti a tutelare i nostri volontari e le persone che richiedono il nostro intervento. La nostra presenza è, come sempre, h24 per fronteggiare le difficili circostanze dovute al Covid-19, con i nostri volontari che dedicano il loro tempo libero per garantire il servizio di emergenza e non solo. Ma per svolgere queste attività abbiamo bisogno di tutti i dispositivi di protezione individuale appropriati per garantire la sicurezza del servizio. Chiunque voglia contribuire può effettuare un bonifico al nostro IBAN (IT92E0617549271000000646680 Banca CARIGE Albisola Superiore) con causale: presidi contro Covid19 – oppure effettuare una donazione cliccando qui“.

Ma oltre a lanciare una raccolta fondi, le diverse pubbliche assistenze hanno anche aderito a un’iniziativa per dimostrare la loro presenza sul territorio e la vicinanza alla popolazione. Spotorno e Noli infatti avranno un servizio di spesa a casa per le persone che non possono contare su un nucleo familiare, principalmente anziani. Il servizio è gratuito e, per i due comuni del golfo dell’isola, basterà semplicemente che il cittadino sia residente lì.

La Croce d’Oro di Albissola Marina ha avviato un progetto simile, chiamato “Telefono d’Oro” e attivo 24 ore su 24. Il servizio è “riservato preferenzialmente alle persone con più di 75 anni di età che dimorano all’interno delle aree di pertinenza comunale, finalizzato alla limitazione di esposizioni pericolose in ambienti esterni alle abitazioni. Il progetto si concretizza attraverso l’attivazione di un numero di telefono dedicato, il 392 927.82.72”.

L’ufficio diocesano della pastorale della salute della curia di Savona contribuirà (con una somma ingente) all’acquisto, da parte dell’ospedale San Paolo, di una partita di mascherine, oggi più che mai necessarie. Un’iniziativa generosa della quale il vescovo di Savona si dice “molto lieto. Do la piena disponibilità della diocesi a collaborare con la Asl2 per ulteriori necessità che ci verranno segnalate. Ricordando le parole di San Tommaso Moro: ‘Dammi la grazia, Signore, che quanto è oggetto delle mie preghiere sia anche oggetto delle mie opere’”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.