IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, convocato Comitato per l’Ordine e la Sicurezza: controlli e misure preventive per contenere i contagi

Il rispetto delle direttive nazionali e regionali per affrontare al meglio l'emergenza sanitaria

Savona. Dopo l’emanazione del nuovo decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’ordinanza regionale che impone la limitazione degli spostamenti verso la Liguria e l’isolamento di chi proviene dalle zone rosse, dalle ore 14.00 di oggi sono scattati anche nei comuni savonesi i primi controlli previsti sulle persone arrivate nel nostro territorio dal 24 febbraio scorso e soggette all’obbligo della segnalazione all’autorità sanitaria.

Per la giornata di domani è stato convocato con urgenza un Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che si svolgerà in Prefettura a Savona, alla presenza dei vertici provinciali di tutte le forze dell’ordine che avranno compiti specifici: al centro proprio le azioni da intraprendere per far fronte all’emergenza e contenere la diffusione dell’epidemia, in relazione al pacchetto di misure restrittive varate in queste ore.

Anche oggi è stata una giornata a dir poco frenetica per tutte le istituzioni, Prefettura e Comuni savonesi in primis: l’obiettivo è quello di un coordinamento operativo a livello provinciale e quindi misure efficaci di contrasto e prevenzione, in particolare per le aree e luoghi di possibile aggregazione e assembramento.

Come detto, dalle 14.00 sono partite le prime attività di controllo sul territorio da parte delle polizie locali, che hanno riguardato i turisti e gli ospiti arrivati dalle zone rosse: nel mirino seconde case e strutture ricettive per assicurarsi che tutte le persone indicate dal dispositivo di sicurezza sanitaria abbiano comunicato la loro presenza in Liguria, questo sulla base dell’ordinanza n.4 del 2020 della Regione Liguria per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Tuttavia le auto-segnalazioni da parte dei cittadini presenti nel savonese sono ancora in corso.

I Comuni sono al lavoro, tramite i COC (dove sono stati istituiti per l’emergenza) e con una serie di informative divulgate a vario livello sui provvedimenti ai quali far fronte, ad esempio gli amministratori di condominio per il discorso delle seconde case, ma non solo: verifiche e ispezioni riguarderanno anche gli accessi ai caselli autostradali e alla stazioni ferroviarie.

Insomma una provincia “blindata” e pronta a far fronte comune per evitare un peggioramento della situazione. Attenzionati anche gli ospedali savonesi e i presidi sanitari sotto pressione per l’emergenza.

Tra gli argomenti previsti all’ordine del giorno del Comitato anche le possibili strutture a disposizione per la quarantena (nei giorni scorsi si era fatta avanti l’ipotesi della Scuola Penitenziaria di Cairo Montenotte).

TUTTO SULL’EMERGENZA

Inoltre, proseguono le verifiche in bar, ristoranti ed altri esercizi pubblici sulle norme di prevenzione e autotutela da rispettare, senza dimenticare che un controllo capillare e a 360 gradi è praticamente impossibile e rimane sempre valida la legge più importante, ovvero il SENSO CIVICO di ognuno di noi, indispensabile per arginare la propagazione del virus.

L’invito è sempre quello di stare a casa ed evitare gli spostamenti o la presenza in luoghi troppo affollati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.