Code...e ancora code

Coronavirus, Cairo Salute continua ad essere sede di assembramenti in attesa di ricette

Oggi pomeriggio decine di pazienti assiepati davanti al presidio di via Berio

Cairo Montenotte. Qualcosa continua a non funzionare nel meccanismo di consegna delle ricette ai pazienti dei medici che operano a Cairo Salute, o forse, in tanti, malgrado l’emergenza sanitaria, continuano a comportarsi in modo sbagliato.

Anche oggi pomeriggio, infatti, nonostante l’attivazione del servizio, coordinato dalla Protezione civile, che distribuisce le prescrizioni mediche nel foyer del teatro tre giorni a settimana, decine di persone si sono assiepate davanti al presidio di via Berio.

La stessa situazione si era verificata anche ad Alassio Salute.

Lunghe code e pazienti, di età diversa, che hanno cercato di rispettare la distanza di almeno un metro, ma per entrare all’interno dei locali (quando scattava il loro turno) erano obbligati a farsi largo tra la folla. L’intervento della Polizia locale ha fatto sì che, almeno, chi non rispettava le regole si sia dovesse adattare.
Ciò non toglie che ancora troppe persone (specie anziane) non riescano a cogliere l’invito (ormai diventato un obbligo) di restare a casa ed attivarsi telefonicamente per limitare spostamenti e assembramenti.

leggi anche
Emergenza coronavirus a Genova: mascherine, strade deserte e negozi chiusi
Picco
Coronavirus, Toti: “In arrivo l’onda di piena, gli effetti delle chiusure li vedremo dopo”
Cairo Salute
Scetticismo
Riapre Cairo Salute, la minoranza: “Struttura non adatta, in inverno non si può usare di nuovo una tenda”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.