IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus a Finale, Frascherelli: “Cercheremo di trasferire gli ospiti nei luoghi di residenza già domani”

Qualche ritardo nel predisporre la quarantena: la comunicazione sarebbe giunta al Comune solo durante la conferenza stampa

Finale Ligure. “Appena ho saputo da Asl 2 del tampone positivo ho immediatamente attivato il protocollo già messo in atto nei Comuni di Alassio e Laigueglia, contattando polizia municipale, carabinieri e protezione civile. Cercheremo di trasferire gli ospiti dell’hotel nei luoghi di residenza già nella giornata di domani“. A farlo sapere è Ugo Frascherelli, sindaco di Finale Ligure, dopo la notizia di un caso di Coronavirus tra gli ospiti dell’hotel Corallo.

L’obiettivo, spiega, è riuscire a ripetere quanto già fatto a Laigueglia, dove anche grazie ai meccanismi individuati nel corso dell’emergenza di Alassio si è riusciti a svuotare l’hotel in pochissime ore. “L’obiettivo è riportarli a casa prima possibile – conferma Frascherelli – perchè ovviamente è il modo migliore di affrontare questa situazione. Discorso diverso invece per i titolari e il personale dell’albergo, che dovranno rimanere nella struttura”. L’hotel al momento è inaccessibile: “Personale di Asl 2 e protezione civile sta già approntando una tenda all’esterno, dove si cambieranno gli operatori sanitari prima di entrare nell’albergo”.

Qualche perplessità è stata destata dal fatto che, nei minuti immediatamente successivi l’annuncio del governatore Giovanni Toti in conferenza stampa, fuori dall’hotel Corallo non fosse in atto alcuna misura preventiva legata alla quarantena. “Io ho attivato la ‘macchina’ appena sono stato contattato dal commissario di Asl 2 – spiega Frascherelli – Cavagnaro mi ha comunicato la positività poco prima delle 19, mi ha chiesto di muovermi esclusivamente utilizzando le vie istituzionali e così ho fatto, chiamando a mia volta i comandanti della polizia municipale e dei carabinieri”.

Stando agli orari forniti dal sindaco, insomma, l’annuncio in conferenza stampa sarebbe stato fatto prima ancora che la comunicazione “ufficiale” raggiungesse il Comune di Finale Ligure, o al massimo in contemporanea. Un rischio, dato che in assenza di controlli (e, soprattutto, di una specifica ordinanza del primo cittadino) gli ospiti erano teoricamente liberi di andarsene. La prima auto della protezione civile è giunta sul posto solo pochi minuti prima delle 20 (cioè un’ora dopo la conferenza stampa di Toti). “Io mi sono mosso appena ho saputo – ribadisce Frascherelli – abbiamo immediatamente approntato l’ordinanza e reso operativo il protocollo. Scrivere un’ordinanza fatta in modo corretto richiede tempo”.

La diretta dall’hotel

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.