IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, Roberto Tomatis (Lega): “I delinquenti spadroneggiano per le strade vuote della città”

L'esponente della minoranza fa appello all'amministrazione comunale d'intervenire con urgenza

Più informazioni su

Albenga. “In un momento di grave emergenza sanitaria che ha letteralmente stravolto la vita di tutti e in cui siamo chiamati a rispettare le forti restrizioni, dettate dal Decreto Ministeriale, finalizzate a limitare il più possibile gli spostamenti per tentare di arrestare il contagio da Coronavirus e il nostro sindaco Riccardo Tomatis rivolge l’ennesimo appello accorato ai cittadini di ‘Restare a casa’, Albenga ancora una volta è in mano a extracomunitari e spacciatori che, con le strade pressoché vuote, sono diventati i veri padroni della città”. Il consigliere comunale gruppo Lega Roberto Tomatis (nella foto) fa appello all’amministrazione comunale d’intervenire con urgenza per far “metter fine agli assembramenti che si registrano, regolarmente, anche in queste settimane di ‘coprifuoco’ generale nella zona di viale Pontelungo, nel centro storico e sul lungo Centa”.

“Sono stato contattato da decine di cittadini che utilizzano il filo telefonico diretto (3397712376) aperto, ormai un mese fa, che mi hanno inviato foto di gruppi di balordi e spacciatori che si ritrovano regolarmente nella zona di Pontelungo, via Milano, in piazza delle Erbe, piazza 4 Novembre nel centro storico o sul lungo Centa per chiacchierare e bere birra – sottolinea il consigliere Tomatis -. E così, mentre il sindaco Tomatis lancia i condivisibili appelli a restare a casa per i cittadini di serie B che, nella maggior parte dei casi, essendo responsabili e avendo a cuore la salute di se stessi e degli altri, evitano di uscire, mentre i delinquenti si comportano come nulla fosse, senza che nessuno intervenga”.

Conclude il consigliere della Lega: “Sarebbe bene che gli agenti di polizia municipale invece di fermare principalmente chi va a lavorare o a fare la spesa facessero i controlli in queste zone prese d’assalto, peraltro da sempre, da personaggi che, anche in tempi critici come questi, continuano a spadroneggiare indisturbati. Aumentando peraltro il livello di insicurezza che la gente comune percepisce ormai da tempo e per cui non è mai stato perso alcun provvedimento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.