IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, parcheggi con strisce blu gratis ma colonnine per i pagamenti accese: i chiarimenti di Gesco

La società: "Chiunque avesse pagato somme non dovute potrà ottenere il rimborso presso i nostri uffici appena torneranno operativi"

Più informazioni su

Alassio. Nelle ultime settimane, sono diversi i comuni della provincia di Savona che, per far fronte all’emergenza sanitaria, hanno deciso di esentare i cittadini dal pagamento dei parcheggi blu. Una decisione, quest’ultima, presa dalle amministrazioni comunali per agevolare residenti e non in un momento particolarmente difficile.

Proprio come Loano, Finale Ligure e Pietra Ligure (per citare alcuni esempi), anche il comune di Alassio – in accordo con Gesco, la società gestrice dei parcheggi a pagamento – ha deciso di rendere le strisce blu completamente gratuite. L’ordinanza comunale alassina, tuttavia, è stata una delle ultime ad arrivare in provincia di Savona e il fatto di giungere “in ritardo” rispetto agli altri comuni non è stato visto di buon occhio da alcuni cittadini.

La società Gesco, chiamata in causa nelle polemiche comparse su alcuni social, spiega: “Negli ultimi giorni siamo stati oggetto di attacchi di ogni genere come Gesco e purtroppo anche sul piano personale. Abbiamo incassato la presunta satira di basso livello e le speculazioni politiche a buon mercato fingendo di non leggere insulti, prese in giro ed offese. Abbiamo deciso di non rispondere , di non alimentare le polemich , di lasciare che i social svolgessero la funzione di valvola di sfogo per i molti cittadini comprensibilmente innervositi dalla situazione. Sarebbe stato troppo complesso spiegare, che come amministratori di una società pubblica, non avevamo il potere in via autonoma di sospendere il pagamento dei parcheggi”.

“Troppo difficile spiegare che non potevamo semplicemente dire i nostri ausiliari di non fare molte perché avremmo commesso il reato di abuso d’ufficio e cagionato un danno erariale. Impossibile comunicare le dinamiche delle procedure interne , dei doverosi passaggi burocratici, dei necessari passi all’interno del comune e la difficoltà nel destreggiarsi giorno dopo giorno tra decreti governativi poco chiari e a volte contradittori anche in materia di sicurezza sul lavoro – continuano dalla società -. Abbiamo mantenuto la calma ed iniziato un percorso di ragionamento e confronto con la giunta che ha portato al risultato odierno. L’ordinanza comunale che prevede l’esenzione dei pagamenti è stata firmata ieri e dalla data odierna i parcheggi sono gratuiti. Chiunque avesse pagato somme non dovute potrà ottenere il rimborso presso i nostri uffici appena torneranno operativi”.

“Oggi – concludono da Gesco – rimane l’ amarezza nel valutare il comportamento di chi aveva gli strumenti per capire e ha fatto finta di non capire. La nostra gratitudine va invece a tutti coloro che ci sono stati vicini , ai cittadini che hanno compreso le difficoltà del momento , a tutti i dipendenti Gesco che hanno fatto fronte a continui ordini di servizio e cambi di turno infondondendoci il coraggio necessario a non mollare. Siamo inoltre riconoscenti a tutta l’amministrazione comunale per i preziosi consigli , la disponibilità al confronto , e per aver fatto proprie le numerose istanze di cittadini e commercianti che chiedevano un gesto concreto . Ora andiamo avanti, nell’augurio di rivedere presto le nostre strade in festa e ritornare a poterci abbracciare l’uno con l’altro”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.