IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Croce Rossa di Loano si rinnova: Alessio Violetta eletto presidente

Fanno parte del direttivo anche i consiglieri Barbara Vallarani, Mario Bongiovanni e Sara Gallizia

Loano. La Croce Rossa di Loano si rinnova. Ieri, domenica 16 febbraio, si sono tenute le elezioni del nuovo consiglio direttivo del comitato loanese della Cri.

Il nuovo presidente è Alessio Violetta. Fanno parte del direttivo anche i consiglieri Barbara Vallarani, Mario Bongiovanni e Sara Gallizia.

Il comitato di Loano dà “il benvenuto al presidente e ai consiglieri. Vogliamo rivolgere un pensiero al direttivo uscente, il cui infaticabile lavoro ha consentito alla sede di raggiungere obiettivi importanti. Il loro contributo, anche nel futuro, rimane prezioso e indispensabile”.

Diplomato presso l’istituto secondario di secondo grado “Paolo Boselli” di Savona come ragioniere e perito aziendale, Violetta è volontario della Croce Rossa Italiana dal 2010. Ho prestato servizio civile nel 2013 presso il comitato di Varazze e servizio militare volontario nel 2015 presso il 32° RGT Genio Guastatori Alpini di Torino. Nel corso di questi anni, in ambito CRI, ha avuto modo di specializzarsi e conseguire le seguenti qualifiche: Operatore TSSA, Operatore Soccorsi con Mezzi e Tecniche Speciali con specializzazione USAR (ricerca e soccorso in ambito urbano), Animatore di Educazione alla Sicurezza Stradale, Animatore di Educazione alle Malattie Sessualmente Trasmissibili, Monitore di primo soccorso, Istruttore TSSA e Direttore dei corsi d’accesso. A Ciampino (RM) nel gennaio 2015 ha avuto l’opportunità di diventare Formatore Nazionale Giovani In Azione, una qualifica che prevede di fornire gli strumenti di comunicazione e progettazione agli istruttori, oltre alle capacità di formazione in ambito di progettazione, pianificazione ed analisi di fattibilità.

Durante il suo decennio di attività ha ricoperto i ruoli di rappresentante provinciale della gioventù di Savona e vice presidente regionale della Liguria, dando la possibilità ai volontari giovani della regione di partecipare al campo di formazione organizzato presso la caserma dell’Aeronautica Militare di Cadimare (SP) che ha coinvolto istruttori e formatori da regioni limitrofe per il corso interregionale per Operatori Giovani in Azione. Ha lavorato come dipendente presso il Comitato di Loano per un anno, da settembre 2018 a settembre 2019.

“Nonostante la mia breve esperienza come dipendente presso il comitato di Loano ho avuto modo di legarmi ed affezionarmi alle persone e alla realtà loanese – spiega – Dopo una lunga e ponderata riflessione, non mancando di una severa autocritica, mi reputo all’altezza di ricoprire questo ruolo istituzionale ed ho deciso di mettermi in gioco poiché vedo in questo comitato grandi potenzialità di sviluppo e crescita a livello socio-economico, umano e volontaristico. Mi sono reso conto che nel corso degli anni molti volontari, di tutti i comitati, hanno smarrito oltre che la motivazione anche il concetto di appartenenza rispetto alla CRI. Vi è dunque la necessità di far rinnamorare i volontari di vecchia data della nostra associazione e fare avvicinare sempre più persone al mondo del volontariato”.

“Il criterio che intendo utilizzare per adempiere a questo compito è semplice quanto efficace: mttendo il volontario al centro delle priorità dell’associazione. Il volontario è la chiave di volta che sorregge tutte le attività ed è il volontario stesso che deve decidere su quali attività investire dando loro una priorità. In questo modo, mettendo l’assemblea dei soci al centro della politica decisionale del comitato, tutti i volontari diventerebbero attori protagonisti, incaricati di prendere decisioni inerenti al futuro dell’associazione partecipando in maniera attiva alla vita del comitato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.