IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Eccellenza: cambio al vertice e l’Albenga accorcia sul secondo posto risultati

Sestri Levante fermato dal Campomorone, Imperia nuova capolista. Sprofonda il Pietra, Finale che respira

Turno importante per l’Eccellenza ligure il numero 22 della stagione. Già perché il Sestri Levante non è più al comando della classifica.  E a fermare la favoritissima del campionato non poteva essere una squadra e un giocatore qualunque, ma il Campomorone dove gioca il grande ex Gandolfo che trova una doppietta da bomber che rallenta la corsa dei corsari, ora secondi con un punto in meno rispetto all’Imperia.

I rossoblù erano passati subito a condurre grazie ad un tiro radente di Cirrincione che servito in ottima posizione pesca l’angolino basso e sblocca la gara. I biancoblù non ci stanno e al 37° pareggiano con Curabba che anticipa tutti sul cross in ripartenza di Fassone. Equilibrio che dura poco perché appena 2’ dopo Selvatico è rapace in area di rigore e fredda Canciani.

Si va alla ripresa che inizia su ritmi meno alti rispetto al primo tempo, ma i padroni di casa non hanno intenzione di lasciare la vittoria ai levantini e al 71° Gandolfo sigla il più classico gol dell’ex dopo un parapiglia in area insacca in mischia. Anche stavolta, però la replica dei sestrini non si fa aspettare e al 75° Cappellano atterra Capo in area ed è rigore. Dal dischetto non sbaglia Selvatico che firma il terzo vantaggio ospite. All’85° Mazzali ha l’occasione per chiuderla, ma il suo tiro si stampa sulla traversa. Poco dopo, all’87° ancora Gandolfo infila la porta dei corsari ed è 3-3 che sarà il risultato finale.

Nel frattempo l’Imperia superava l’Alassio con due reti in apertura contro l’Alassio. Ci pensa Donaggio che al 4° si esibisce in una girata al volo che fulmina Pastorino. Al 16° raddoppio ancora del numero 9 che rientra e la mette a giro sul palo lontano. 

Gol, colpi di scena e tanto divertimento fra Rivasamba e Albenga. Sestrini per archiviare il prima possibile la corsa salvezza, bianconeri per tornare a crederci. Al 13° sono gli ingauni a passare con Di Salvatore, ma dieci minuti dopo Biancato si avventa su una corta respinga di Patrone e pareggia i conti.  Al 45° l’Albenga torna avanti con Anselmo che sfrutta un brutto svarione della difesa locale e firma l’1-2. 

Ospiti che nel secondo tempo prendono il largo. Al 49° Brondi in percussione infila Raffo e fa 1-3. Passano cinque minuti e la gara va virtualmente ai titoli di coda quando Costantini trova ancora il varco giusto per battere il portiere levantino. Rivasamba in bambola così Castagna cala anche il quinto gol al 65°. La goleada si ferma quindi perché finalmente i padroni di casa hanno un sussulto con Busi che di testa accorcia le distanze. All’85° arriverà anche il terzo gol Rivasamba con Fontana, ma la rimonta si ferma qui e l’Albenga sale a -5 dal secondo posto. 

Era uno scontro da dentro o fuori Rapallo – Genova Calcio e alla fine sono i bianconeri a trarne il massimo grazie alla doppietta di Bertuccelli che nel finale di primo tempo decide la gara. Al 40° con un piazzato in area di rigore, al 47° all’ultimo respiro con una girata di testa che batte Dondero. Biancorossi in discesa libera e ora in zona playout. Davvero un brutto momento per i genovesi che vengono scavalcati anche dal Finale vittorioso in casa contro il solito Busalla altalenante. Anche qui arriva una doppietta, di Rocca che la risolve in 4’.

Al 18° svetta di testa su cross di Faedo; al 22° riceve basso e tutto solo deve solo depositare in rete. Finale che riesce momentaneamente a togliersi dalle zone pericolose. 

Al contrario il Pietra Ligure rischia di non riuscire ad uscirne più, ma deve anche cercare di non fare scappare la terz’ultima se non vuole rischiare di retrocedere direttamente. I biancoazzurri vengono demoliti da un Ospedaletti in gran forma e deciso ad allontanarsi definitivamente dalle zone paludose di classifica. Gara a senso unico che si sblocca già al 2° con Cassini. Partita chiusa virtualmente nel primo tempo con Alasia ed Espinal che mandano le squadre al riposo sul 3-0. Al 55° Aretuso firma il poker e poi arriverà Cassini per la doppietta. La gara si trascina poi fino all’80° quando Burdisso non ha pietà per la sua ex squadra trovando il gol del 6-0. Solo per la bandiera la rete di Gaggero.

Fondamentale invece la vittoria dell’Athletic Liberi su un Molassana sempre più ultimo. Uno – due nel primo tempo che indirizza la partita con Siri e Cagliani che mandano sul 2-0 gli ospiti in due minuti. Luca Di Pietro prova a scuotere i suoi al 53° con il gol che riapre la gara, ma un minuto dopo Cagliani riporta a due i gol di distanza. Molassana che non riesce ad orchestrare azioni pericolose e al 76° Ilardo firma il definitivo 1-4.

La Cairese rafforza il proprio quarto posto superando per 1-0 il Baiardo nonostante il rosso a Piana giunto ad inizio ripresa. Gol decisivo di Basso che conclude un contropiede veloce dei gialloblù con un tiro secco e diagonale che non lascia scampo a Gaione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.