Affondo

Danni Maltempo, Sanna (Ceriale in Movimento): “Briciole di contributi e il Comune esulta”

“A Ceriale un contributo da 85mila, mentre per gli altri comuni costieri fondi superiori ai 2 milioni di euro"

esondazione Rio San Rocco Ceriale

Ceriale. “A seguito delle mareggiate del 2018 il Governo ha stanziato 385 milioni di Euro in 3 anni sia per ripristino dei danni ma anche per interventi di prevenzione. Per l’annualità 2020 sono stati ripartiti 142milioni di Euro a 127 comuni liguri, una media di poco più di 1 milione di euro a comune”.

“E’ incredibile come il Comune di Ceriale si vanti di aver ottenuto solo 85mila euro a seguito della mareggiata del 2018 che ha letteralmente devastato le nostre coste, mentre tutti i comuni costieri limitrofi hanno ottenuto stanziamenti superiori ai 2 milioni di euro”.

Parola di Rodolfo Sanna di “Ceriale in Movimento”, che non ha risparmiato dure critiche, mettendo a paragone i contributi ottenuti da Ceriale per i danni causati dalle mareggiate con quelli (più cospicui) degli altri comuni costieri.

Fondi maltempo polemica Ceriale

“Dalla nota, – ha proseguito Sanna, – si legge: ‘ci è stato riconosciuto un cospicuo finanziamento’ e che tale contributo servirà esclusivamente al ripristino delle dighe soffolte danneggiate dalla eccezionale mareggiata”.

“Di fatto il Comune di Ceriale si limita a ripristinare i danni del maltempo senza pianificare interventi atti a prevenire danni in caso di eventi metereologici avversi (nello specifico alluvioni e mareggiate) ed il vicesindaco trova sia motivo di vanto?”.

“Quali sono le misure messe in atto in termini di prevenzione? Saremo sempre più soggetti a questi eventi metereologi e marini di elevata intensità ed invece di prevedere interventi che aumentino la resilienza del territorio ci si limita a riparare i danni?”

“Analizzando bene i contributi riconosciuti ai vari comuni si nota come tutti i comuni costieri limitrofi abbiano ottenuto contributi sopra i 2 milioni di euro, Ceriale è l’unico comune costiero sotto i 100 mila euro, è riuscito a prendere di meno anche di Balestrino e Toirano che non sono comuni che affacciano sul mare. Ci domandiamo cosa ci sia di positivo per Ceriale in tutto questo?”.

“Ceriale poteva e doveva ottenere di più in modo da poter aumentare la sicurezza del territorio e limitare i danni conseguenti a future mareggiate e/o episodi alluvionali ed invece ha ricevuto il contributo più basso tra i comuni costieri della provincia di Savona, superiore solo a Rialto che non affaccia sul mare, contributo abbondantemente sotto la media regionale nonostante Ceriale sia tra i comuni più esposti alle mareggiate”.

“Si sarebbe potuto intervenire sui moli (come Albenga, ci sarebbe da sistemare luoghi soggetti a frane in tutto il territorio (come ad es. in Via Campo Sportivo), la messa in sicurezza del rio San Rocco e tanti altri interventi che aspettano solo di essere eseguiti, invece nulla di tutto questo si farà perché sono stati richiesti contributi per 85 mila euro evidentemente ritenuti sufficienti a mettere in sicurezza il Comune di Ceriale”.

“Queste continue sparate propagandistiche non hanno nessun giovamento per il paese, servono solo a rappresentare una realtà che non esiste ad esclusivo vantaggio dell’attuale maggioranza che non riesce a farne a meno avendo necessità di nascondere le copiose mancanze che stanno danneggiando irrimediabilmente il paese”.

“La vuota propaganda a cui stiamo assistendo non è che un insulto all’intelligenza dei cittadini e non fa altro che far sentire sbeffeggiati e presi in giro cerialesi e turisti che hanno scelto Ceriale per le loro vacanze”.

“Attendiamo trepidanti una maggior presa di coscienza e un’azione meno superficiale che possa davvero aumentare la resilienza del territorio e quindi rilanciarlo nuovamente dal punto di vista turistico, ma arrivati a questo punto i dubbi non sono sulla volontà ma sulle effettive capacità di questa maggioranza”.

“Quest’ultima è solo una delle tante occasioni perse dal Comune di Ceriale, se si continuerà in questa direzione il paese sarà turisticamente (e forse non solo) definitivamente seppellito da questa maggioranza”, ha concluso Sanna.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.