IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, farmacie prese d’assalto e mascherine quasi esaurite ovunque: “Costretti a ordinarle dall’estero” fotogallery

La testimonianza del dottor Panizza di Albenga: "Situazione compromessa. Non si trova più niente da nessun fornitore"

Ponente. “La situazione è compromessa. Non si trova più niente in giro in termini di igienizzanti e mascherine. Siamo costretti ad ordinarle dall’estero: forse arriveranno a metà settimana”.

coronavirus

È questa la testimonianza del dottor Fabio Panizza, proprietario della farmacia h24 San Michele di Albenga, presa letteralmente d’assalto anche nella mattinata odierna. Si tratta di una delle principali della Città delle Torri, seconda città per numero di abitanti della Provincia, e quindi un esempio molto esplicativo di ciò che, in larga scala, sta succedendo a livello provinciale, regionale e nazionale.

Tantissime persone chiedono consigli e vogliono acquistare le mascherine e gli igienizzanti, ormai praticamente esauriti, e i farmacisti, tutti provvisti a loro volta di mascherine e guanti, sono impegnati ad appuntare nomi e cognomi su liste di attesa per le prenotazioni che contano già centinaia di nominativi.

“Siamo stati letteralmente assaltati, – ha raccontato Panizza ai microfoni di IVG.it. – Le persone sono terrorizzate e vengono a chiederci consigli e soprattuto a cercare mascherine, igienizzanti e tutto quello che serve per la disinfezione. La situazione appare abbastanza difficile: non si trovano più mascherine né gel, che noi stiamo cercando di produrre in laboratorio in modo artigianale per soddisfare le troppe richieste”.

coronavirus

Ma le mascherine sono davvero utili e quali vanno per la maggiore? “Ci sono le mascherine chirurgiche a 3 veli. Le più utilizzate e forse anche più efficaci sono le FFP2 e le FFP3, che hanno un filtro sul davanti. Ma tutti i i nostri fornitori ne sono sprovvisti al momento. Stiamo cercando da altri fornitori: è probabile che arrivino mercoledì da stati esteri”.

Le mascherine sono una prima barriera, una prima difesa soprattutto per il contagio aereo. Noi siamo il primo presidio, le persone ci parlano, ci starnutiscono di fronte, dobbiamo usarle, con i guanti, per tutelarci”.

coronavirus

Quindi i consigli alla popolazione: “No al panico e consigliamo di usare vitamina C e di aumentare le difese immunitarie. Bisogna disinfettare sempre le mani e non toccare le mucose, occhi e orecchie”, ha concluso Panizza.

In alcune farmacie del savonese, inoltre, sono state prese misure di sicurezza aggiuntive, come ad esempio la richiesta esplicita di “mantenere la distanza minima di un metro in coda”.

Coronavirus, farmacie e centri salute presi d'assalto

Ma non è tutto, purtroppo. Diverse aziende del savonese (in particolare colorifici e ditte specializzate) hanno registrato a loro volta un boom di vendite di mascherine, ma in questo caso da lavoro, acquistate da persone che non le hanno trovate in farmacia. Alcuni le hanno finite, dovendo rispedire al mittente le richieste di chi voleva acquistarle per lavoro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.