IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Autostrade chiare, il comitato scende in piazza: “Chiederemo al Mit di fare controlli veri” foto

Non tantissimi quelli che sono arrivati in largo Pertini, ma il comitato ha le idee chiare: "Vogliamo essere un esempio"

Più informazioni su

Genova. Degli oltre 62 mila iscritti al gruppo Facebook Autostrade Chiare in largo Pertini questo pomeriggio si sono presentate poco più di 200 persone, forse 250. Ma quelli che arrivano fanno la fila al banchetto allestito dal comitato per iscriversi e partecipare alle iniziative che saranno portate avanti.

“E’ difficile portare la gente fuori dal web – commenta il presidente del comitato Luca Ternavasio – urlare la propria protesta digitando su una tastiera è sicuramente più semplice che prendersi l’impegno di venire qui e metterci la faccia. noi ce la mettiamo e speriamo di essere un esempio”. Il presidente è comunque soddisfatto: “In tanti si stanno iscrivendo perché è un problema che riguarda tutti noi, che percorriamo strade a rischio crollo o cadute di volte o lamiere”.

Dopo la manifestazione di oggi il comitato Autostrade chiare vuole chiedere un incontro al ministero dei trasporti: “Vogliamo contattare il Mit per chiedere che i controlli vengano fatti da terze parti e in maniera completa, non come quelli del superperito del Mit Placido Migliorino e quando faranno finalmente questi controlli e vedremo il grado di sicurezza di viadotti e gallerie, capiremo cosa intende fare il ministero, vale a dire se chiuderle e quindi uccidere un’economia regionale e soffocare il secondo porto più grande d’Europa oppure farci percorre un viadotto con il rischio che ci crolli sotto i piedi”.

Tra partecipanti al presidio anche diversi esponenti politici, dal sindaco commissario Marco Bucci al governatore Giovanni Toti, dai consiglieri regionali del M5S, al presidente del municipio Valpolcevera Federico Romeo al senatore ex M5S Gianluigi Paragone. In piazza anche i comitato dei parenti delle vittime di ponte Morandi che hanno stretto un sodalizio con il comitato che ieri ha partecipato alla manifestazione in ricordo delle 43 vittime a un anno e mezzo dal crollo.

Anche il governatore ligure Giovanni Toti nel pomeriggio è intervenuto alla manifestazione per esprimere il suo appoggio agli ideali espressi dal comitato: “Credo che siano condivisibili gli obiettivi di questi cittadini di avere giustizia per le 43 vittime di ponte Morandi, che nessuno di noi dimenticherà mai, di avere autostrade sicure su cui viaggiare, di avere informazioni in tempo reale e di chiedere che vengano prese decisioni da parte del governo, come per altro le Istituzioni locali stanno facendo da tempo”.

“Sulla nostra rete autostradale – ha aggiunto Toti – serve non solo un controllo ma un grande piano manutenzioni: bisogna cambiare regole perché quelle finora vigenti non hanno funzionato e la tragedia di ponte Morandi ce lo ricorda ogni giorno. Occorre non strumentalizzare una vicenda dolorosa e complicata per tutto il paese e che ognuno faccia il proprio mestiere: la magistratura indichi i colpevoli, governo e istituzioni lavorino per dare ai cittadini autostrade più sicure”.

In merito alla revoca delle concessioni autostradali, il presidente Toti ha poi affermato: “A me interessa che il governo decida. Siamo inchiodati da un anno e mezzo inutilmente, anzi, dannosamente. Io non ho le carte per poter decidere. Il governo ha fatto una lunga istruttoria, decida come ritiene e porti avanti quelle decisioni”, ha concluso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.