IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liliana Segre cittadina onoraria di Albenga, via libera dal consiglio comunale: “Le pagine tristi della storia non vanno scordate”

Ciangherotti soddisfatto: "Liliana Segre verrà anche invitata ad Albenga per la consegna della medaglia d’Oro al merito"

Albenga. Anche l’amministrazione comunale di Albenga, dopo quella di Savona, concederà la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. L’ordine del giorno è stato approvato all’unanimità nel consiglio comunale di ieri, sotto proposta del consigliere Eraldo Ciangherotti. Inoltre, per la senatrice ci sarà anche la consegna della medaglia d’Oro al merito.

Soddisfazione del sindaco Riccardo Tomatis, che commenta: “Oggi più che mai dobbiamo ricordare quei tragici momenti che hanno segnato le pagine più tristi della nostra storia. Quei fatti che ci sembrano tanto lontani nel tempo e nei luoghi, in realtà sono vicini. Non dobbiamo dimenticare che quelle persone che hanno compiuto gesti terribili erano esattamente come noi, avevano anche i nostri stessi valori e, sicuramente non sono impazziti di punto in bianco, ma  alcuni di loro hanno preso e diffuso il germe dell’odio convincendo i cittadini che una determinata minoranza era pericolosa per loro e per i loro figli. Fatto questo il resto venne di conseguenza, nel silenzio e nell’indifferenza di molti. Tutto questo oggi non deve più accadere infatti credo che ogni iniziativa che ha come finalità quella di mantenere viva la memoria va sostenuta. Va bene dare la cittadinanza onoraria alla Senatrice Segre, va bene la richiesta che Le vogliamo rivolgere per partecipare alla consegna della medaglia d’oro e va bene creare una commissione contro l’odio. Per questo noi abbiamo votato a favore”.

“Credo che la Senatrice Segre deve essere un esempio per tutti noi. Trovo vergognoso il fatto che l’istituzione di una  commissione contro l’odio  da Lei proposta non ricevette voto unanime a Roma da parte di tutti gli esponenti politici.  Sono comunque lieta di vedere quest’ordine del giorno proposto proprio da quella parte politica che in Parlamento non si schierò con La Segre. Vorrei che questo argomento che oggi trattiamo in consiglio possa portare a riflettere tutti sui termini, i modi e i toni che si utilizzano anche nella vita quotidiana e sui social. Questo è un aspetto che come amministratori dovremmo sempre tenere presente”, il commento sulla stessa linea del sindaco di Emanuela Guerra.

Tutti convinti e soddisfatti dell’approvazione, dal sindaco ai consiglieri che commentano in coro. E ad appoggiare la proposta di Ciangherotti, oltre a Tomatis e Guerra, troviamo anche il consigliere Giorgio Cangiano: “Credo che la Senatrice Segre non avesse tra i suoi obiettivi quello di ricevere riconoscimenti o la cittadinanza onoraria che molti comuni le hanno giustamente dato. Il suo obiettivo era quello di istituire una  commissione contro l’odio. Purtroppo l’odio è un sentimento che sta dilagando e che sta portando a cose terribili. Proprio seguendo il principio che ritengo avesse la senatrice propongo un emendamento all’ordine del giorno per istituire una commissione consiliare contro l’odio”.

Ma tra la soddisfazione generale, appunto, ci sono anche le dichiarazioni di colui che ha proposto la cittadinanza onoraria alla Segre, ovvero Eraldo Ciangherotti: “Benvenuta tra i Cittadini meritevoli di Albenga! Fiero di aver proposto all’amministrazione comunale la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, proposta approvata ieri sera all’unanimità dal Consiglio comunale di cui faccio parte come capogruppo di Forza Italia. Nel contempo, la Senatrice verrà anche invitata ad Albenga per la consegna della medaglia d’Oro al merito. Sarebbe bello se l’invito a a presenziare alla cerimonia venisse preparato e indirizzato alla Senatrice Segre da tutti alunni delle scuole della nostra città”, ha commentato il consigliere e capogruppo di Forza Italia.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.