IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Pietra Ligure 2,9 mln per la tutela del territorio. Il sindaco De Vincenzi: “Torrente Maremola, rii, condotte e opere di protezione” foto

Piano strutturale e a 360 gradi per la messa in sicurezza

Per Pietra Ligure la cospicua cifra di 2 milioni e 950 mila euro. E’ quanto assegnato dalla Regione Liguria per il dissesto idrogeologico dopo la firma di ieri del decreto di approvazione del riparto dei fondi della protezione civile per il 2020.

“Ringrazio il presidente Toti e l’assessore Giampedrone per la disponibilità e l’attenzione dimostrate – esordisce il sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi – Questo importante finanziamento ci dà la possibilità di uscire dalla mera logica dell’emergenza per puntare sulla prevenzione e ci permette di mettere in cantiere, entro settembre 2020, un ampio piano d’interventi strutturali e strategici non limitati al ristoro dei danni ma indirizzati alla messa in sicurezza di gran parte del nostro territorio, con il preciso obiettivo di aumentarne e rafforzarne la protezione, nell’ottica di una efficace mitigazione del dissesto idrogeologico”.

“Tra i progetti presentati, frutto di un’attenta e capillare analisi delle criticità del territorio, rivestono carattere di priorità la messa in sicurezza del terrapieno ferroviario di ponente, a protezione delle infrastrutture strategiche, della fruibilità e degli accessi all’arenile, la messa in sicurezza dell’alveo del torrente Maremola, dallo Scarincio alla foce, attraverso l’innalzamento degli argini e l’abbassamento del piano di scorrimento delle acque, la ricostruzione e l’adeguamento degli scarichi a mare che corrono lungo via XXV aprile, via Rossello e piazza della Stazione, tutte zone attualmente facilmente allagabili a causa delle condotte danneggiate e la costruzione di opere a presidio e protezione delle infrastrutture strategiche del litorale di levante, lungo il quale è localizzata parte della “beach rock”, la piattaforma di roccia naturale fondamentale per la difesa dell’arenile”.

“Sono tutti interventi che mettono al centro la necessità di aumentare la protezione del nostro territorio – prosegue il primo cittadino pietrese – che significa, partendo da un danno, effettuare un lavoro di messa in sicurezza complessiva e a 360° dell’intero comune, non ragionando più per emergenze isolate ma per interventi strutturali che, insieme, andranno a costituire efficaci fattori di prevenzione del dissesto idrogeologico e valida protezione del suolo” conclude il sindaco De Vincenzi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.