IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vecchia scritta fascista a Pietra Ligure, Seppone: “Sbagliato cancellare la storia, gli errori del passato vanno ricordati”

Secondo Pier Franco Quaglieni è "un'oscenità storica"

Pietra Ligure. “E’ sbagliato cancellare la storia, gli errori del passato vanno ricordati”. Ne è convinto Nicola Seppone, consigliere comunale del gruppo di minoranza “Sara Foscolo Sindaco” a Pietra Ligure, che così risponde alle affermazioni di Pier Franco Quaglieni, direttore del Centro Pannunzio, a proposito della scritta “Partito Fascista Repubblicano” ancora visibile su un edificio che affaccia su piazza Martiri della Libertà, esattamente davanti alla sede cel municipio.

“Appare davvero incredibile che esattamente di fronte al Comune di Pietra Ligure, in pieno centro storico, faccia bella mostra di sè, in modo ancora ben leggibile malgrado il tempo, la scritta Partito Fascista Repubblicano, quello della guerra civile e della deportazione degli ebrei in Germania – Nota Quaglieni – Un’oscenità storica di cui il Centro Pannunzio chiede l’immediata rimozione. Una scritta che evoca i tempi bui della Repubblica Sociale, una vergogna che va rimossa al più presto. In tempi di false e mendaci revisioni e di scorribande pseudo-storiche diventa intollerabile questa archeologia squallida e vergognosa che evoca un passato indecente che respinto in modo deciso”.

Seppone è rimasto piuttosto stupito dal leggere la richiesta di Quaglieni, ripresa dai media: “Probabilmente Pierfranco Quaglieni, direttore del centro Pannunzio, che ha deciso di ‘denunciare’ la presenza della scritta sull’edificio pietrese, prima d’ora non ha mai avuto il piacere di visitare il centro storico della nostra città. Anche perché, diversamente, saprebbe che quella scritta è lì da una vita. A questo punto, però, c’è chiedersi se sia davvero corretta la richiesta (avanzata da Quaglieni) di eliminare con un colpo di pennello una scritta che, piaccia o non piaccia, racconta un pezzo di storia (la nostra, storia). Per rispondere alla domanda, sgombriamo subito il campo dalle facili strumentalizzazioni: qui la politica non c’entra nulla, anche perché nessuno mette in dubbio il rigetto di quegli ideali ripudiati dalla nostra stessa carta costituzionale”.

“Oltre al valore artistico di quelle scritte (non spetta a me darne una valutazione), a mio avviso occorre considerare un aspetto molto più importante. Quella scritta rievoca ricordi che appartengono al nostro passato e racconta una storia che, nel bene o nel male, ci appartiene. Da nord a sud, quante sono (in questo senso) le testimonianze dell’epoca fascista nel nostro paese?Tantissime. E sono sparse ovunque, proprio ad perpetuam rei memoriam. Anche per non dimenticare, quindi, e per tramandare alle future generazioni gli errori commessi in passato affinché gli stessi non vengano ripetuti in futuro”.

“Ecco perché non sono d’accordo con la presa di posizione (confermata anche dal sindaco Luigi De Vincenzi) di chi intende eliminare la suddetta scritta. A mio avviso, infatti, una decisione di questo genere sarebbe un grave errore. Cancellare la storia non è la via giusta per sperare di non ricadere negli stessi errori del passato”, conclude Seppone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.