IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Toirano, incontro pubblico sul “caso velox”. Il sindaco: “Troppe strumentalizzazioni e considerazioni fuorvianti”

L'assemblea si terrà mercoledì 22 gennaio alle ore 21 presso la sala consiliare

Toirano. “Siamo lieti che dopo l’incontro con il consigliere Roberto Bianco, tenutosi ieri mattina nel mio ufficio alla presenza del presidente del consiglio comunale Claudio Oddo e del consigliere provinciale alla viabilità Luana Isella, finalmente si parli di collaborazione nel preminente interesse della collettività toiranese”. Così il sindaco di Toirano, Giuseppe De Fezza, interviene nella “querelle” dell’autovelox di Toirano che, negli ultimi giorni, è tornata a scaldarsi con l’arrivo delle prime (centinaia di) multe per eccesso di velocità. E annuncia un’assemblea pubblica sul tema per il prossimo 22 gennaio.

Dopo le polemiche di ieri tra il capogruppo della lista civica di minoranza “Non solo centro” di Toirano, Roberto Bianco, e l’assessore comunale di Vendone (nonché ex presidente della Pro Loco di Toirano) Andrea Bronda, il primo cittadino ha incontrato l’opposizione. “Ho ritenuto necessario l’incontro – spiega – perché credo che si stia strumentalizzando troppo l’argomento e perché vorrei leggere sui giornali di Toirano come un paese dalle importanti e forti peculiarità storiche artistiche, e non di un paese dove le parti politiche si fanno la guerra. Tuttavia è bene fare chiarezza sui contenuti dell’incontro: non si è discusso o concordato di convocare un consiglio comunale straordinario, ho semplicemente invitato il capogruppo di minoranza a non strumentalizzare la vicenda dell’autovelox per questioni politiche e a non esprimere considerazioni affrettate e fuorvianti che possono disorientare i cittadini”.

“E’ giusto che l’opposizione dia voce ai cittadini scontenti – ammette De Fezza – ma non bisogna dimenticare che siamo amministratori pubblici e che, in quanto tali, dobbiamo trattare gli argomenti nei consigli comunali aperti al pubblico, nel pieno rispetto delle regole e del confronto democratico, oppure mediante assemblee pubbliche. Il botta e risposta sui giornali non lo trovo costruttivo. Per questo ho invitato Bianco a ripensare alla sua strategia che non stava portando a nulla di produttivo per i cittadini”.

“L’intento dell’amministrazione comunale – insiste il sindaco – era ed è quello di convocare un’assemblea pubblica e quindi di dare voce ai cittadini ed ai consiglieri comunali di minoranza in un confronto orizzontale. Una tavola rotonda che consenta alla maggioranza di illustrare alla cittadinanza il piano di messa in sicurezza della viabilità, di ricevere le opinioni del pubblico e di migliorare eventuali criticità registrate, e non un consiglio comunale dove si assisterebbe ad una diatriba tra maggioranza e opposizione. Pertanto riteniamo opportuno convocare un’assemblea pubblica orizzontale con i nostri concittadini mercoledì 22 gennaio alle ore 21 presso la sala consiliare Arnaldi, per dirimere le questioni e spiegarci tutti insieme visto che finora nessun cittadino è in realtà venuto a chiedere personalmente spiegazioni che non sarebbero state negate a nessuno”.

“Inoltre, visto che è stata strumentalizzata anche la nostra uscita dal gruppo Facebook, vogliamo nuovamente chiarire che l’amministazione non poteva rimanere indifferente di fronte ad un video in cui un privato cittadino sprezzante delle istituzioni e delle normative di legge si erigeva ad ‘angelo custode’ degli automobilisti” conclude De Fezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.