Metà paese al buio da giorni, a Spotorno non si placano le proteste - IVG.it
Blackout

Metà paese al buio da giorni, a Spotorno non si placano le proteste

Svariate vie del paese sono senza luce da giorni, duro lo sfogo di alcuni cittadini :"Camminiamo come i gamberi"

Spotorno. Spotorno ancora al buio e non si placano le proteste dei cittadini: alcune delle sue vie principali come via Garibaldi, via XXV Aprile e via Venezia, comprese le zone limitrofe, sono prive di illuminazione.

Già nei giorni scorsi si è verificato un blackout che, poco prima dell’alba, ha coinvolto oltre 600 persone. Il sindaco di Spotorno Mattia Fiorini, aveva spiegato che il problema era stato risolto in maniera celere da Enel su sollecito dell’amministrazione comunale.

Ma il disservizio è tornato e anche questa volta, come si legge negli sfoghi su Facebook – alcuni anche molto duri – pare esserci un altro guasto all’impianto di illuminazione e l’azienda, contattata da IVG.IT, ha spiegato di aver preso in carico le varie segnalazioni e ha fatto sapere che interverrà tra oggi, martedì 7 gennaio e domani, mercoledì 8 gennaio.

Anche il primo cittadino spotornese, interpellato sulla questione, ha confermato che i lampioni oggetto di discussione non sono di competenza del Comune di Spotorno.

E nell’attesa che vengano ripristinati i punti luce nelle diverse vie coinvolte dal guasto, la rabbia dei cittadini sfiora anche il sarcasmo: “Speriamo che il problema venga risolto presto, non possiamo camminare come i gamberi…” ha detto uno degli abitanti della località savonese.

Tra l’altro, per molti residenti, da metà pomeriggio, quando cala il sole, fino al primo mattino, l’ondata di buio crea una situazione di allarme e paura: per questo è stato richiesto un intervento rapido e risolutivo.

leggi anche
  • Nuovo affondo
    Paese al buio, “Spotorno Che Vorrei” all’attacco: “Incapacità di intervento nelle emergenze”
    spotorno buio

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.