IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Liguria del Gusto

In Riviera arriva la “Scolabear”, la birra di Castelbianco

"Liguria del gusto e quant'altro" è la rubrica gastronomica di IVG, ogni lunedì e venerdì

Più informazioni su

Una birra a chilometro zero, con un luppoleto strappato al bosco, di fronte al birrificio, che sa di entroterra, di Val Pennavaire, dell’ombra misteriosa di Castellermo, montagna sacra per gli antichi liguri. Da qualche giorno, al momento solo ad Albenga e Alassio, ma presto in tutta la Riviera, si può chiedere la “Scolabear”, birra che nasce a Castelbianco, da un’idea di Samuele Scola, 32 anni, erede della storica famiglia di ristoratori che, ovviamente appoggiato da genitori e fratello, ha dato vita al nuovo progetto.

“Una birra non solo artigianale, ma anche coltivata, nel nostro luppoleto a Castelbianco, di fronte al ristorante. Il nome della birra, una chiara di stile belga, non molto alcolica, beverina, si chiama Colombaire, della zona dove i nostri luppoli nascono, crescono e vengono raccolti”, racconta Samuele. Un luppoleto “strappato” al bosco tre anni fa, quando Samuele, dopo essersi congedato dall’Esercito, ha deciso di avviare sperimentazione e produzione con la consulenza del mastro birraio del “Filodilana” di Torino.

“Ad oggi abbiamo 300 piante, abbastanza per produrre 8 mila litri di birra. E’ un luppolo che ha acquisito i profumi e gli aromi della nostra vallata, un prodotto che da vita ad una birra particolare, originale. Al momento la stiamo facendo conoscere in Riviera, ma già dal prossimo settembre c’è l’intenzione di produrne un altro tipo con aromatizzazione al pigato, con vinacce prodotte dall’azienda agricola di mio fratello, tutto a chilometro zero, ovviamente”, commenta ancora Samuele, mentre prosegue ad imballare le bottiglie di Scolabear nel piccolo, ma moderno e attrezzato, birrificio ricavato in un locale adiacente il ristorante di famiglia.

“Liguria del gusto e quant’altro” è il titolo di questa rubrica curata da noi, Elisa (alla scrittura) e Stefano (alle ricerche), per raccontare i gusti, i sapori, le ricette e i protagonisti della storia enogastronomica della Liguria. Una rubrica come ce ne sono tante, si potrà obiettare. Vero, ma diversa perché cercheremo di proporre non solo personaggi, locali e ricette di moda ma anche le particolarità, le curiosità, quello che, insomma, nutre non solo il corpo ma anche la mente con frammenti di passato, di cultura materiale, di sapori che si tramandano da generazioni. Pillole di gusto per palati ligustici, ogni lunedì e venerdì: clicca qui per leggere tutti gli articoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.